MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Martedì, 06 Febbraio 2018 14:42

Mini Guida su armi e reati: rigetto del Questore sul rinnovo? Qui la bussola per il "come fare"

Scritto da

 

Mini guida su Armi e reati

Come risolvere il problema del rigetto del Questore sulla domanda di rinnovo della licenza uso venatorio?

 

 

Ecco una “mini guida” su questo delicato argomento:

la trovate in fondo al post, con 9 piccole regolette, dopo la breve illustrazione di un caso concreto.

Voglio precisare che i principi illustrati sono ricavati da un’interessante sentenza del Tar Napoli, la n. 240 del 12 gennaio 2018 (favorevole per il ricorrente).

 

A mio avviso fanno capire il da farsi e come muoversi rispetto a un ipotetico provvedimento del Questore di rigetto della domanda di rinnovo della licenza di porto di fucile per uso venatorio.

Quante volte infatti capita che, dopo vari rinnovi, improvvisamente l’Autorità dica “no”?

 

Certamente accade molte volte, specie negli ultimi tempi; nel mio studio vi posso assicurare che se ne vedono parecchi di questi rigetti e noto che le persone rimangono spaesate, dal momento che non capiscono come mai, dopo svariati rinnovi, ci si trovi punto e daccapo.

 

Vista l’importanza della questione, è allora il caso di mettersi un attimo comodi per prendere confidenza con il ragionamento dei giudici e, perché no, scoprire le varie “dritte” che il Tar indirettamente ci fornisce con la pronuncia in commento.

Si perché, se il lettore – interessato si dovesse trovare in un caso simile, potrebbe utilizzare i criteri qui ricordati per fronteggiare il rigetto ed aumentare quindi le probabilità di accoglimento del suo personale ricorso.

 

 

 

Che cosa è successo a quel ricorrente:

 

Abbiamo accennato all’inizio che avremmo brevemente illustrato il fatto.

 

Una persona impugna il provvedimento del Questore  di rigetto della domanda di rinnovo della licenza di porto di fucile per uso venatorio.

Eccesso di potere per difetto e carenza di istruttoria e di motivazione sono alcuni dei motivi che riporta nel suo ricorso.

 

In particolare alcune denunce e procedimenti penali vengono visti dall'autorità di polizia come limiti a questo rinnovo (nonostante, va subito detto, quelle cause si siano concluse favorevolmente per l’interessato).

Il Tar però mostra di non essere d’accordo con la tesi dell’amministrazione, dicendo infatti che non può limitarsi a richiamarle acriticamente o a trarre dalle stesse un automatico giudizio negativo, ma deve operare un'autonoma valutazione dei fatti che ne sono alla base, soppesare l'esito dei relativi procedimenti penali specialmente se si tratta di denunce assai risalenti nel tempo - peraltro, conclusesi con l'archiviazione per intervenuta prescrizione - verificarne con maggiore rigore la rilevanza, avuto, altresì, riguardo alla condotta attuale del richiedente.

 

Tra l’altro: se si sono avuti già vari rinnovi, l'eventuale diniego deve dimostrare il venir meno delle condizioni iniziali che avevano portato ad una valutazione favorevole.

Questa, in estrema sintesi, lo stato dell’arte.

 

 

Che cosa ci vuole dire il Tar?

in pratica,

  • se è vero che in materia di detenzione e porto d'armi l'Autorità di Pubblica sicurezza dispone di vasta discrezionalità nel valutare la sussistenza dei presupposti di affidabilità del soggetto interessato a tutela della pubblica incolumità,
  • peraltro questa discrezionalità, per non trasformarsi in arbitrio, deve esercitarsi con un'attività istruttoria adeguata, con provvedimenti la cui motivazione dia conto in modo congruo del giudizio conclusivo formulato dall'Autorità in ordine all'affidabilità (o alla mancanza di affidabilità) del soggetto interessato.

 

 

Vediamo allora i 9 CRITERI GUIDA:

La lettura e il commento della sentenza sarebbe stati inutili se, come promesso nel preambolo del post, non fossimo riusciti a ricavarne un’utilità sotto forma di 9 “criteri guida”.

La bussola e i principi che si possono ricavare dalla sentenza sono dunque questi.

  1. il potere della Pubblica amministrazione va esercitato nel rispetto della discrezionalità amministrativa,
  2. questo potere va esercitato motivando accuratamente le scelte,
  3. il potere va esercitato in modo coerente,
  4. il potere va esercitato in modo logico,
  5. se è vero che una persona è ritenuta pericolosa o capace di abuso dell’arma, l’Autorità deve spiegare da quali circostanze di fatto ricava questa convinzione,
  6. l’Amministrazione deve dare prova del pericolo di abuso dell’arma,
  7. l’Autorità non deve limitarsi a valutare un singolo episodio pregiudizievole,
  8. l’Autorità deve valutare accuratamente e complessivamente la personalità dell’interessato,
  9. il Questore non può giustificare la revoca o il diniego di porto d’armi sulla base di una semplice denuncia all’Autorità giudiziaria.

 

 

Conclusioni:

Trovandosi in presenza di una situazione come quella spiegata, il consiglio è di non esitare a rivolgersi ad un legale di fiducia specializzato nella complessa materia del diritto delle armi.

Sarà infatti compito del difensore spiegare il “come fare per” e, se richiesto, progettare una strategia difensiva idonea a contrastare con più probabilità di successo un’eventuale azione giudiziale.

Tra gli Autorevoli Avvocati che in Italia trattano approfonditamente e quotidianamente la delicata materia, specie sul versante amministrativo, consigli si possono chiedere all’Avv. Francesco Pandolfi, il quale ha al suo attivo la gestione di una considerevole varietà di casi ed è autore di numerose pubblicazioni on line su network giuridici, riviste di diritto e blog.

 

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 4755 volte Ultima modifica il Martedì, 06 Febbraio 2018 14:51
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

1 commento

  • Link al commento Ennio Bartocci Martedì, 06 Febbraio 2018 15:32 inviato da Ennio Bartocci

    Tutto chiaro e esaustivo ma si spera di non incappare in imprevisti simili perché prima di risolvere il tutto per qualche anno rimani senza porto d'armi

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is a Joomla Security extension!