MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Sabato, 10 Marzo 2018 18:53

Custodia armi, presenza di minori o di persone non affidabili

Scritto da

In questo post:

 

pubblica sicurezza, porto di fucile per uso tiro a volo, diniego di rilascio, pericolo di abuso da parte del padre convivente, illegittimità del diniego, non dimostrata omessa custodia delle armi.

 

Il succo della questione è questo:

il solo fatto della convivenza con minori o soggetti non affidabili, non autorizza l’Autorità a negare in automatico la licenza se non valuta le misure di sicurezza adottate caso per caso per la custodia delle armi.

 

 

Il caso:

Un caso esaminato e risolto favorevolmente per l’interessato dal Tar Perugia, con la sentenza n. 69 del 26 gennaio 2018.

 

 

Il fatto:

 

Abbiamo un provvedimento con cui il Questore ha rigettato l'istanza del ricorrente volta ad ottenere il rilascio di porto fucile per uso tiro a volo.

L'Autorità di P.S. ha indicato il pericolo di abuso delle armi non da parte del ricorrente bensì del padre convivente, condannato per minacce e ritenuto soggetto non affidabile, non avendo il ricorrente fornito sufficienti garanzie in ordine alla custodia delle armi.

 

 

La soluzione trovata in causa:

Ebbene, portato il caso in giudizio, il Tar ritiene il ricorso fondato e lo accoglie.

Dice infatti la Magistratura: la revoca dell'autorizzazione del porto d'armi, quale atto con finalità di prevenzione di fatti lesivi della pubblica sicurezza, può essere sufficientemente sorretta anche da valutazioni della capacità di abuso fondate su considerazioni probabilistiche, in quanto nella materia in questione la sfera di libertà dell'individuo recede di fronte al bene della sicurezza collettiva.

Ora, pur muovendo da queste considerazioni, il provvedimento impugnato non risulta sorretto da adeguata istruttoria e motivazione sul pericolo di possibili abusi nell'uso delle armi, connesso alla loro negligente custodia.

E’ vero: i provvedimenti assunti in tema di autorizzazione all'uso delle armi ben possono essere giustificati anche dal pericolo di abusi perpetrati da soggetti terzi, qualora l'interessato non fornisca prova della corretta custodia.

 

In questi casi deve esserci però un quadro indiziario univoco, atto a dimostrare l'omissione delle suddette cautele.

Nel caso trattato dal Tar invece, parte ricorrente ha spiegato di aver approntato un armadio blindato per la custodia delle armi le cui chiavi erano nella propria esclusiva disponibilità, fornendo dunque,  sufficienti elementi atti a prevenirne l'impossessamento da parte del padre.

Dall’altra parte il Questore ha desunto la possibilità di abuso in via del tutto automatica dalla mera convivenza con il padre, non apprezzando le motivate controdeduzioni difensive.

 

 

In pratica:

 

Ragionando per assurdo, l'Amministrazione dovrebbe negare o revocare ogni licenza per il solo fatto della convivenza con minori o soggetti non affidabili, a prescindere da qualsiasi valutazione in concreto delle misure di sicurezza adottate caso per caso per la custodia delle armi.

Cosa che, come si intuisce, non è possibile.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 4851 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is a Joomla Security extension!