Giovedì, 01 Agosto 2019 08:24

Riconcessione della licenza di porto di fucile uso caccia

Scritto da

 

A Salerno, grande successo dello studio per un Assistito che, dopo la presentazione di un’istanza di riesame in autotutela ed all’esito di approfonditi accertamenti della Questura, ha riottenuto la licenza in questione.

L’istanza è stata presentata a gennaio 2019, mentre la comunicazione di accoglimento è giunta ieri 31 luglio 2019.

 

 

Inutile descrivere la gioia che si prova in queste occasioni.

 

 

La vicenda da risolvere era abbastanza complicata ed è stata esposta in singoli motivi all’interno dell’istanza di riesame, anch’essa articolata.

 

 

In breve, la vicenda.

Anni addietro la Prefettura aveva emesso il divieto di detenere armi legalmente possedute.

Dopo una condanna penale, l’interessato aveva depositato autonomamente una prima istanza tendente alla revoca del provvedimento, motivata dal più che corretto comportamento processuale e sostanziale tenuto.

Nella trama di quell’istanza aveva evidenziato di non aver più commesso alcun reato da quel lontano tempo.

Successivamente, il Tribunale aveva dichiarato estinto il reato.

 

 

La Questura, dal canto suo, aveva comunicato l’avvio del procedimento amministrativo relativo all’istanza di rinnovo della licenza di porto di fucile per uso caccia.

Nelle more, la Prefettura aveva disposto la caducazione del divieto detenzione armi, viste le informazioni assunte dai CC sull’interessato e previa valorizzazione del tempo trascorso dal procedimento penale.

La Questura aveva poi comunicato l’intenzione di rigettare l’istanza per la concessione della licenza di porto di fucile per uso caccia, ponendo come motivo il fatto che ai sensi dell’art. 43 t.u.l.p.s. la condanna penale in parola risultava ostativa per la titolarità della licenza richiesta.

Sopraggiungeva, infine, il decreto di rifiuto del rinnovo della licenza di porto di fucile per uso caccia.

 

 

A questo punto, da altro studio veniva presentato un primo ricorso gerarchico avverso il rifiuto del rinnovo emesso dalla Questura, spiegando che la condotta morale e civile dell’interessato risultava ineccepibile, che lo stesso aveva avuto la cancellazione della fattispecie al CED ed era stato emesso dalla Prefettura lo specifico provvedimento di caducazione del divieto di detenere armi.

Inoltre si precisava che la persona interessata era stata condannata per il reato di xxxxxx, motivo per il quale tale ipotesi non rientrava nell’art. 43 1° co. t.u.l.p.s. rientrandovi solo le ipotesi delittuose consumate, spiegando così che la specie era riconducibile all’art. 11 2° co. t.u.l.p.s. e che, comunque, lo stesso Consiglio di Stato aveva ribadito come non fosse previsto l’automatismo dell’effetto ostativo della condanna nell’ipotesi anzidetta, rientrando nel potere discrezionale dell’Autorità il negare o rilasciare la licenza tenendo conto del profilo di affidabilità della persona interessata.

 

 

Spirato il termine per l’eventuale ricorso sul silenzio rifiuto, l’odierno istante si era rivolto al mio studio ed aveva proposto al Questore l’istanza per il riesame in autotutela che, come anticipato, incontrava il favore dell’Autorità amministrativa.

Questi i favorevoli indici rivelatori a sostegno dell’istanza:

  • caducazione del d.d.a.
  • positiva valutazione dei CC
  • comportamento penale remoto nel tempo
  • delitto non espressamente richiamato dal tulps
  • ammissione degli addebiti e risarcimento del danno
  • inesistenza di altri reati
  • inesistenza di patologie o dipendenze
  • persona perfettamente inserita nel tessuto socio-produttivo.

 

 

Altre informazioni?

Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 738 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.