Sabato, 21 Settembre 2019 07:13

Rilascio di licenza di porto di fucile uso caccia

Scritto da

 

Ancora un caso trattato dallo studio, a lieto fine, sul rilascio di licenza di porto di fucile per uso caccia.

 

 

Sono Francesco Pandolfi, avvocato in diritto amministrativo (armi, militare, pubblico dipendente, disciplinare, appalti, abusivismo, multe all'estero). Svolgo da anni una prevalente attività on line seguendo Clienti in tutta Italia. Se ancora non conosci le mie pubblicazioni in rete, visita i portali Studio Cataldi e MiaConsulenza, oppure FB: troverai centinaia di post tematici che ti offriranno informazioni gratuite utili ad impostare la soluzione del tuo caso. 

 

 

 

Indice

Antefatto ed istanza

Il trascorrere del tempo

La licenza

Come chiedere assistenza allo studio legale?

 

 

Antefatto ed istanza

Il nostro Cliente chiede l’autorizzazione di polizia per le seguenti motivazioni:

  • nel 2011 ha ricevuto un provvedimento di rifiuto ad un’istanza analoga, per ritenuta incompatibilità con il possesso di autorizzazioni di polizia in materia di armi;
  • nel 2014 ha presentato un’istanza analoga all’odierna, segnalando di aver ottenuto nel 2013 la dichiarazione di estinzione del reato con provvedimento del G.I.P. (in relazione all’art. 624 c.p., fatto del 2008) giudicato con decreto penale emesso nel 2010;
  • le indagini a seguito di una querela sporta nel 2007 non hanno avuto seguito rispetto ai reati contestati ex artt. 582, 610 e 612 c.p., siccome prescritti;
  • nel 2014 ha ricevuto la notificazione di atto della Questura con il quale l’istanza di rilascio della licenza di porto di fucile ad uso caccia è stata respinta, attesa l’esistenza a quel tempo dei procedimenti penali sopra segnalati e della relazione con familiari segnalati per reati in materia di stupefacenti o destinatari di provvedimenti ablativi in materia di armi.

 

 

Il trascorrere del tempo

Ora, con il passare del tempo le circostanze e le situazioni concrete si sono modificate e l’interessato, avendo motivo di ritenere variato in meglio il quadro di affidabilità personale, ha precisato che:

1) il fratello risiede altrove;

2) la madre, anche se all’epoca è stata destinataria di un provvedimento di diniego del rilascio del N.O. all’acquisto di armi per eredità a causa della convivenza con l’interessato e il fratello, è una persona normalissima, incensurata, esente da precedenti psicopatologici, che lavora stabilmente presso un’azienda, vive da sola, non assume o ha mai assunto stupefacenti o sostanze psicotrope, avendo sempre avuto stima sociale ed elevata reputazione;

3) dal 2012 lavora regolarmente con contratto a tempo indeterminato;

4) inoltre dal mese di maggio 2016 ha un rapporto di stabile convivenza con la propria compagna, la quale gestisce un negozio di parrucchiera di cui è titolare sua zia.

 

 

Licenza

Sulla base di queste premesse nell’istanza, approntata dallo studio dopo un’iniziale lavoro istruttorio di preparazione, è stato sostenuto tra le altre cose che il dato storico evidenziante in passato un comportamento considerato dall’Autorità come inaffidabile, era ed è ormai mutato favorevolmente, visti i plurimi indici sopra richiamati e, in ultima analisi, la necessità di dare finalmente una valutazione complessiva ed attualizzata del modello comportamentale.

Ebbene, valutati tutti gli elementi a disposizione, nel settembre 2019 il Questore ha autorizzato il nostro Cliente a portare il fucile per uso caccia.

 

 

Come chiedere assistenza allo studio legale?

Per avere assistenza legale o chiedere un parere per valutare la presentazione di un ricorso o un’istanza, basta utilizzare il portale MiaConsulenza.it, oppure inviare il quesito utilizzando la mail di studio: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Ovviamente è sempre possibile contattare direttamente l’Avv. Francesco Pandolfi all’utenza mobile 3286090590.

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 518 volte Ultima modifica il Sabato, 21 Settembre 2019 08:22
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.