Domenica, 20 Agosto 2017 08:35

Evasione fiscale massiccia: carcere o misure alternative alla detenzione?

Scritto da

 

Il caso

Un grande evasore (parliamo di un caso di associazione per delinquere finalizzata all'emissione di fatture false e dichiarazioni fraudolente relative ad operazioni inesistenti) ad un certo punto finisce in carcere.

Ora, in teoria potrebbero accadere due cose rispetto a questa situazione: la prima è che il maxi evasore metta in atto un comportamento tale da dimostrare un vero ravvedimento rispetto al suo passato criminale.  La seconda è che invece cerchi solo una strategia per non restare detenuto.

Quale delle due condotte avrà scelto la persona interessata?

Nel caso in commento, avendo evaso svariati milioni di euro egli non riesce a far cambiare idea ai Magistrati, visto che all'atto pratico si dichiara disposto a recuperare (ossia a riparare il danno) pagando qualche migliaio di euro, cioè "spicci" rispetto alla massa del maltolto.

 

 

La Cassazione non si convince

Il perchè del no della Suprema Corte è presto detto.

Dice la Corte (Corte Suprema di Cassazione, prima sezione penale, sentenza n. 1567/17 avverso l'ordinanza n. 669/16 del Tribunale di Sorveglianza) che per poter dare il via libera all'affidamento in prova (si tratta di una misura alternativa alla detenzione) non basta l'assenza di indicazioni negative ma occorrono anche indicatori positivi come, ad esempio, quella specifica scelta della persona interessata di farla finita una volta per tutte con il proprio passato criminale.

In altri termini, egli deve dimostrare in modo chiaro il proprio ravvedimento, criticando il proprio passato di delinquente e manifestando un reale intento di risocializzare.

Ciò che non è accaduto in quanto il ricorrente si è limitato ad offrire 10 mila euro rispetto ad un'evasione fiscale definita "enorme" dai giudici: un simile comportamento non fa certo pensare che vi sia una volontà di ravvedersi. 

 

 

In pratica

La condotta del maxi evasore ha prodotto un enorme danno a tutta la collettività.

Per far si che questo macro danno possa essere riparato, l'Ordinamento chiede al responsabile di farsi avanti con la costruttiva intenzione di risolvere, iniziando a restituire la massiccia quantità di denaro portata via a tutti gli altri consociati.

Tutto questo non può avvenire se c'è un offerta riparatoria di diecimila euro.

Per questo motivo la Cassazione esclude le misure alternative, domiciliari compresi.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1044 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:52
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.