Sabato, 02 Settembre 2017 10:32

Abuso edilizio: i soggetti che la legge considera responsabili

Scritto da

Anche chi non è committente delle opere abusive può essere considerato responsabile  

 

Che cos'è l'abuso edilizio

Si tratta di un illecito: in pratica consiste nel realizzare un intervento edilizio senza permesso di costruire o senza dichiarazione di inizio attività.

Si verifica quando si attua un'opera edilizia, che può essere sia una costruzione su suolo non edificabile, ma senza approvazione, o un ampliamento del volume o della superficie, o qualsiasi modifica alla sagoma di un edificio preesistente in assenza di completa autorizzazione amministrativa.

Nel reato viene compreso anche il cambio di destinazione d'uso, privo di autorizzazione (Fonte: Wikipedia).

 

 

Chi è responsabile

Per rispondere alla domanda, possiamo utilizziare due criteri giurisprudenziali:

Per "responsabile dell'abuso" edilizio deve intendersi non solo chi ha posto in essere materialmente la violazione contestata ma anche chi, subentrando nella titolarità e comunque nella detenzione del bene, ne ha protratto la permanenza avvalendosi nel tempo dell'utilità del bene stesso senza demolirlo; questo significa che, quand'anche il proprietario o il titolare del diritto di godimento attuale non sia il materiale autore dell'abuso già esistente, ciò non lo esime dal dovere di ripristinare la conformità a legge dei luoghi, fatte salve le facoltà di rivalsa.

Inoltre, nello stessa direzione: "Sul proprietario incolpevole dell'abuso edilizio incombe il preciso dovere di agire, per quanto in suo potere, al fine di eliminare le opere illecitamente realizzate, a far data dal momento in cui ne sia venuto a conoscenza".

 

 

Perchè

Come preannunciato nel titolo, anche chi non è diretto committente delle opere absive può essere considerato responsabile del'abuso.

Perchè la legge arriva a tanto?

Per capire, prendiamo spunto dalla sentenza n. 2876 del 20 aprile 2017 della Corte di Appello di Roma, sez. 3 penale.

Nel caso affrontato dalla Corte, Tizia è imputata in concorso con i comproprietari dell'immobile e committenti dell'opera, i quali in assenza di permesso a costruire in zona sottoposta a vincolo paesaggistico:

annettono un vano scala ad un magazzino preesistente,

ampliano un preesistente manufatto,

demoliscono e ricostruiscono su quote diverse un tetto.

Tizia chiede l'assoluzione per non aver commesso il fatto visto che, pur a conoscenza delle opere edilizie, non è la committente diretta. 

La Corte però non condivide questa posizione difensiva, ricordando che sul proprietario incolpevole dell'abuso edilizio, incombe il preciso dovere di agire, per quanto in suo potere, al fine di eliminare le opere illecitamente realizzate, a far data dal momento in cui ne sia venuto a conoscenza.

 

 

Altre informazioni?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1525 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:28
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.