MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Mercoledì, 30 Agosto 2017 06:51

Olio extravergine toscano falso: come tutelarsi?

Scritto da

Un caso dove, dopo l'acquisto di ingenti partite di olio di origine greca, questo viene venduto a prezzo maggiorato come olio extravergine comunitario con indicazione geografica protetta

 

La contraffazione alimentare

Come consumatori siamo esposti a mille pericoli, non ultimo quello della contraffazione alimentare.

La contraffazione alimentare è la sostituzione totale di una sostanza alimentare con un’altra il cui pregio è nettamente minore. Esempio: la vendita di olio di semi spacciati per olio di oliva, oppure la vendita di margarina “mascherata” da burro. Può accadere, inoltre, che a sostanze sane si vadano a sostituire sostanze pericolose per la salute (fonte: Benessere.com).

Si tratta di casi che si verificano pure con una certa frequenza e che, fortunatamente, vengono arginati dall'abile lavoro investigativo della Procura e della G.d.F.

Vediamo, appunto, più da vicino come il paziente lavoro della Guardia di Finanza conduce in un caso a scoprire un'organizzazione criminale dedita a questo losco e dannoso traffico (Corte di Cassazione, terza sezione penale, sentenza n. 39508/17).

 

Il caso

Un imprenditore rimane coinvolto in un vasto giro di contraffazione di olio extravergine toscano Igp.

Durante l'indagine comincia a delinearsi un'ipotesi di reato specifica: in pratica qualche anno prima avrebbe acquistato alcune partite di olio di origine "greca", tagliato con qualche oliva locale al solo scopo di piazzarlo sulla rete di vendita come "toscano", in questo modo realizzando elevati profitti dati proprio dall'aver venduto come prodotto di qualità un olio del tutto diverso.

Chi ricorre contro il sequestro probatorio di documenti fiscali e contabili è, appunto, uno tra i vari imprenditori della "rete", il quale si ritiene assolutamente non coinvolto in questa grossa indagine (è indagato come concorrente nel reato) visto che si è limitato solo ad acquistare una modesta quantità di olio dalla società che nell'indagine è collegata all'associazione per delinquere: sostiene in pratica che il generico sequestro di tutta la sua documentazione e strumentazione informatica è ingiusto, in quanto praticato al solo scopo di ricercare la cosiddetta notizia criminis (la notizia di reato).

 

 

La soluzione data dalla Cassazione

E' basata principalmente sulla spiegazione del contenuto del sequestro probatorio e della sua finalità nell'ambito delle indagini.

Dice la Corte che la lamentela dell'imprenditore ricorrente non può essere condivisa, in quanto quel sequestro adottato nei suoi confronti ha una sua ragione d'essere se si osserva lo sviluppo possibile dell'indagine.

In buona sostanza: la legittimità del sequestro probatorio si basa sull'idoneità degli elementi della notizia di reato a rendere effettivamente utile lo svolgimento di ulteriori e più vaste indagini, il tutto per arrivare a prove certe ed ulteriori, cui non si arriverebbe senza sottrarre all'indagato una determinata cosa (la "res"). Non importa la valutazione, al momento, della fondatezza dell'ipotesi di accusa.

 

 

In pratica

La contraffazione alimentare è una piaga: per tutelare chi in buona fede consuma questi prodotti alimentari, credendo nella loro autenticità, ci si deve adoperare ogni mezzo lecito: le indagini svolte dalla Guardia di Finanza (come in questo caso), allargate grazie al sequestro probatorio, aiutano a delineare i profili di reato esistenti e a punire i responsabili.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Letto 536 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:36
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

Our website is protected by OHSecurity!