Mercoledì, 23 Febbraio 2022 15:54

Ritiro cautelativo porto d’armi

Scritto da

Casi di illegittimità del silenzio-inadempimento serbato dalla Questura; ritiro cautelativo della licenza di porto d'armi, delle armi e delle munizioni.

 

 

 

Arriva una richiesta di ammonimento da parte del Questore nei confronti di una persona e, subito dopo, scatta il ritiro del porto d’armi e delle munizioni che detiene.

 

Parte poi la comunicazione di avvio del procedimento per la revoca della licenza di porto armi, anche se l’Autorità prefettizia non convalida il ritiro e neppure adotta un divieto di detenere armi.

 

Sull’altro fronte, la richiesta di ammonizione iniziale viene anche archiviata con provvedimento del Pubblico Ministero.

 

A questo punto, la persona in questione chiede la restituzione di quanto ritirato in via cautelativa, ottenendo però la restituzione della sola licenza di porto armi.

 

Anche una sua ultima istanza per la restituzione delle armi e delle munizioni ritirate rimane inevasa.

 

Presenta allora il ricorso, chiedendo di accertare l’illegittimità dell’inerzia mantenuta dalla Questura.

 

Il Tar accoglie il suo ricorso e condanna la Questura alle spese di causa.

 

Vediamo perché.

 

In materia di riesame inoltrate dal privato all’Amministrazione relativamente a provvedimenti già emessi, in generale non sussiste alcun obbligo di provvedere.

 

Questo in linea generale.

 

A questa tale regola fanno eccezione i casi in cui il provvedimento emesso limiti la sfera giuridica del privato in via permanente.

 

E questo è proprio uno di quei casi.

 

Cioè: la fattispecie rientra poiché l’articolo 39 R.d. n. 773/1931 non prevede un termine di efficacia alle misure previste, tra cui la privazione della disponibilità delle armi al suo detentore dopo il decorso di un termine ragionevole e in presenza di sopravvenienze positive.

 

Nel caso in questione sono, tra l’altro, trascorsi anni senza che alcun provvedimento inibitorio alla detenzione delle armi sia stato emesso nei confronti del ricorrente, mentre il procedimento attivato per la revoca del porto armi non è giunto ad alcun provvedimento definitivo e, poi, la richiesta al Questore di un provvedimento di ammonizione è stata archiviata.

 

Quindi, in conclusione, sono venute meno le circostanze che, all’inizio, avevano determinato il ritiro delle armi: tutto questo fonda un obbligo di riesame da parte dell’Amministrazione, in ordine ad un ipotetico interesse pubblico a che le stesse non vengano restituite al diretto interessato [1].

 

 

 

[1] Tar Toscana Sez. Seconda, sentenza n. 213/22 pubblicata il 21.02.2022.

 

 

 

Chiedi assistenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 7419 volte
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.