Martedì, 07 Dicembre 2021 13:04

Volontario in ferma prefissata

Scritto da

Militari: il volontario in ferma prefissata, sebbene non sia titolare di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, non può essere considerato un soggetto estraneo alla compagine amministrativa, ma un militare già integrato nei ranghi dell’Amministrazione.

 

 

 

In linea di principio il volontario in ferma prefissata non è titolare di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

 

Tuttavia, dice il Consiglio di Stato [1], non può essere considerato un soggetto estraneo alla compagine amministrativa, ma piuttosto un militare già integrato nei ranghi dell’Amministrazione, al pari dei militari inseriti stabilmente in ruolo.

 

La conseguenza di questa impostazione è che anche il volontario in ferma prefissata appartiene all’apparato organizzativo dell’Amministrazione militare.

 

Quindi, se è lecito da lui attendersi il pieno possesso dei requisiti soggettivi anzidetti ai fini della sua presa di servizio, in uno all’esatto espletamento dei compiti impartiti, non può non assicurarsi in suo favore anche il rispetto delle prerogative previste dall’ordinamento per coloro che appartengono alla medesima compagine organizzativa, ma in forma stabile.

 

Insomma, i giudici ci segnalano che si è raggiunta una equiparazione tra le due discipline e le due posizioni, in modo che le prerogative tipiche del dipendente a tempo indeterminato si possono estendere al dipendente a tempo determinato.

 

In pratica si è portato a compimento un processo di progressiva assimilazione del servizio in ferma prefissata, dopo apposito reclutamento, rispetto a quello a tempo indeterminato a seguito di immissione in ruolo, che sfocia nella parificazione, almeno tendenziale, delle rispettive soglie di tutela.

 

Il risvolto applicativo si può notare, ad esempio, in materia di assegnazione temporanea del militare ai sensi dell’art. 42 bis d. lgs. n. 151/01.

 

Qui c’è un interesse del figlio minore a ricevere assistenza da parte di entrambe le figure genitoriali.

 

La soddisfazione di tale esigenza di assistenza familiare non può quindi essere preclusa dalla configurazione giuridica del rapporto di lavoro.

 

L’art. 42 bis è un istituto a carattere provvisorio, che cessa di produrre effetti in modo automatico al superamento del termine massimo di durata previsto per il quale è stato accordato e non incide in modo definitivo sullo stato del dipendente interessato, il quale infatti lascia libero il proprio posto originario solo temporaneamente.

 

Come tale, l’istituto ha la funzione di agevolare la cura dei minori nella primissima infanzia, e quindi protegge i fondamentali valori della famiglia e, più in generale, della genitorialità.

 

 

 

[1] Consiglio di Stato Sezione Seconda, sentenza n. 8051/21 pubblicata il 03.12.2021.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 1150 volte
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.