Sabato, 12 Agosto 2017 14:50

Buoni Fruttiferi Postali: interessi sempre al sicuro?

Scritto da

Non tutti sanno che gli interessi riconosciuti alla scadenza sui buoni postali possono non coincidere con quanto previsto sul titolo stesso

  

Che cos’è il buono fruttifero postale

Proviamo a dare una definizione abbastanza generale: si tratta di un prodotto di investimento finanziario anzi, più precisamente, di una forma di risparmio postale se si vuole affiancarli all’altra tradizionale e conosciutissima modalità di risparmio, ossia il libretto postale.

 

 

Le caratteristiche dei buoni fruttiferi postali

Il prodotto ha una serie di caratteristiche: vediamo, sempre in generale, le più importanti.

  • si tratta di titoli che possono essere sottoscritti e rimborsati presso qualsiasi ufficio postale;
  • non sono soggetti a spese particolari;
  • all’inizio erano disponibili nella versione cartacea, oggi lo sono in versione dematerializzata con l’appoggio di un rapporto di deposito, sul quale effettuare le operazioni di prelevamento e rimborso;
  • le condizioni dell’emissione (variabili anche mese per mese) sono prestabilite a monte e rimangono tali fino al rimborso.

 

 

Il caso

Le caratteristiche ormai note dei buoni fruttiferi sono tali che dovrebbero, almeno in teoria, tranquillizzare tutti i sottoscrittori circa l’ammontare del rimborso dovuto alla scadenza, soprattutto riguardo agli interessi.

A quanto pare, però, non è sempre così.

A dircelo è il Tribunale Ordinario di Bologna, seconda sez. civile, con un’interessante sentenza del 19 maggio 2017.

In buona sostanza, l’ammontare degli interessi dovuti alla scadenza (nello specifico su buoni fruttiferi degli anni 80) può non coincidere con quanto indicato nel retro del documento.

Il “trucchetto”, si passi questo termine, è nascosto all’interno di decreti ministeriali successivi alla loro emissione: con questo accorgimento, infatti, gli interessi possono subire variazioni.

E così è stato in pratica.

A nulla è servito un decreto ingiuntivo pur ottenuto dalla titolare, con il quale era stato intimato a Poste Italiane di pagare 9 mila euro stando ai calcoli della stessa e approvati dal Giudice.

In sede di opposizione al decreto ingiuntivo promossa dall’azienda, il Tribunale ha accordato il minore importo di euro 4 mila, sulla base di questi

 

 

argomenti:

  1. i buoni fruttiferi postali emessi da Cassa Depositi e Prestiti e distribuiti da Poste Italiane s.p.a. non sono titoli di credito e neppure titoli di debito pubblico (come solitamente si pensa); nascono invece da un rapporto contrattuale tra le parti, disciplinato dalle condizioni apposte sul documento,
  2. nel 1983 era in vigore il D.P.R. 156/73 che, all’art. 173, prevedeva che le variazioni dei tassi di interesse potesse essere applicata sia ai buoni emessi successivamente al D.M. sia a quelli precedenti,
  3. pertanto: in caso di modifica dei tassi successiva all’emissione del buono, la tabella riportata nel retro del titolo si ritiene modificata dal nuovo prospetto.

 

 

In pratica

Il Tribunale fa notare che il D.M. in questione ha semplicemente previsto un saggio di interessi meno favorevole rispetto al precedente.

Ciò che lascia sbigottiti è la facilità relativa con la quale lo Stato interviene in corso d’opera su questi rapporti: nel caso esaminato ci dice il Tribunale che non risultano violate neppure le comuni regole della correttezza e della buona fede contrattuale, in quanto le “modifiche” derivano da leggi e atti amministrativi abilitati ad incidere sul contenuto di detti rapporti.

 

 

Un consiglio

Il risparmio delle famiglie è una cosa seria.

Molti siti cercano di spiegare questa complicata materia.

Per un consulto puoi decidere, senza impegno, di parlare con l’avv. Francesco Pandolfi almeno per guidarti con dati ed informazioni di prima mano, che potranno esserti utili a capire il tipo di documento in tuo possesso e i diritti in esso consacrati.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta la Redazione oppure l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2308 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 19:03
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.