Martedì, 12 Settembre 2017 08:53

Fucile uso caccia: come fare ricorso sulla sospensione della licenza e vincerlo?

Scritto da
Un caso dove la persona "esente da mende" e che non esercita professionalmente attività in materia di armi ed esplosivi, è in grado di smontare uno per uno gli argomenti che ha utilizzato l’Amministrazione per arrivare alla sospensione della licenza.

 

  

La pronuncia del Tar

Si sa: questi ricorsi non sono proprio una passeggiatina, ma non bisogna scoraggiarsi.

Esistono casi (e non sono pochi) dove la discrezionalità amministrativa diventa arbitrio (motivazioni stereotipe), e così si aprono le porte per l’accoglimento delle critiche proposte dalla persona interessata.

Ma procediamo con ordine e cominciamo l’analisi.

Oggi prendiamo spunto da una pronuncia molto utile, dalla quale si possono trarre alcuni principi: la sentenza n. 474 del 3 maggio 2017 emessa dal Tar Bari Sezione 3.

Perché questa sentenza di primo grado è così utile?

Semplicemente perché ci permette, ancora una volta, di chiarire che la persona titolare di licenza che sia realmente esente da mende, irreprensibile, al di sopra di ogni sospetto, non può subire alcuna (ingiusta) sospensione del titolo.

Ecco perché il ricorso proposto con questi requisiti è destinato ad essere accolto.

Il Tar di Bari lo sa bene e lo conferma con la pronuncia di maggio.

In tutti i casi analoghi bisogna quindi essere fiduciosi ed affidarsi alla Giustizia. 

 

La circostanza

Vediamo che cosa si è verificato nel caso trattato.

L’interessato ricorre per chiedere l’annullamento della nota del Questore con la quale viene decretata la sospensione della licenza di porto di fucile ad uso caccia.

Pare che la sospensione della licenza sia motivata dalla circostanza che la custodia delle armi e delle munizioni non è stata assicurata con ogni diligenza nell'interesse della pubblica sicurezza, compromettendo così il requisito dell'assoluta affidabilità.

Il personale operante, all'interno del domicilio del ricorrente trova che "...un fucile con apposita custodia, risulta posizionato a vista in una stanza dell'abitazione, precisamente a destra di chi entra, mentre un altro fucile con apposita custodia risultava collocato su di una cristalliera all'interno della sala soggiorno; uno zainetto contenente decine di cartucce da caccia caricate a pallini era posto nella stanza di ingresso della abitazione".

Elementi ritenuti dal Commissariato di P.S. sufficienti a deferire il ricorrente all'Autorità Giudiziaria per il reato di cui all'art. 20 l. 110/75 con sequestro ex art. 354 c.p.p. delle armi e munizioni, poi convalidato.

 

La reazione del ricorrente

E’ ferma e puntuale.

Spiega infatti, in dieci passaggi:

  1. di essere titolare della licenza di porto di fucile per uso caccia da mezzo secolo;
  2. di non aver mai abusato nell'uso, nel porto, nella detenzione e custodia delle armi da caccia;
  3. di aver sempre tenuto buona condotta;
  4. di non essere mai stato attinto da procedimenti penali né da indagini giudiziali;
  5. di non avere familiari conviventi gravati da precedenti penali;
  6. di non frequentare ambienti negativi;
  7. di vivere da solo senza minori o incapaci che possano impossessarsi delle armi detenute;
  8. di aver tenuto le armi con la diligenza del buon padre di famiglia essendo, peraltro, la propria abitazione dotata di un sofisticato sistema di antifurto radio allarme, collegato con idoneo e riconosciuto Istituto di Vigilanza operante sul territorio con controllo di video sorveglianza mediante gestione a distanza di un segnale di allarme proveniente dalla proprietà del ricorrente, finalizzato all'intervento diretto della guardia giurata con servizio H24;
  9. di vivere in una villa monofamiliare circondata da un muro di cinta sormontato da rete metallica, chiusa con cancello in ferro e presenza di cani;
  10. di non aver mai subito furti o tentativi di furti e intrusioni.

Ma, evidentemente, tanto non basta.

Le circostanze sono ritenute dall'Autorità di P.S. insufficienti per arrivare ad una diversa valutazione circa l’affidabilità nella custodia delle armi.

Da qui l'emissione del provvedimento.

 

 

La soluzione

Partendo dal presupposto, dice il Tar, che la valutazione discrezionale circa sull'affidabilità nell'utilizzo dell'arma deve essere particolarmente rigorosa da parte dell'Amministrazione pubblica, le circostanze concrete rappresentate da parte ricorrente all'Autorità non sono state valutate.  Per niente.

In effetti, nel provvedimento impugnato si dice:"...ritenuto che la suddetta memoria non apporta elementi utili ad addivenire ad una diversa valutazione circa l’affidabilità nella custodia delle armi, sia perché i fatti oggetto della comunicazione notizia di reato sono nel merito al vaglio della Autorità Giudiziaria, sia perché per come è fotografata la reale custodia delle armi e munizioni, chiunque che per qualsiasi motivo avesse avuto accesso all'abitazione in quel momento, anche legittimamente e non necessariamente superando le diverse barriere anti intrusione, avrebbe potuto impossessarsene, anche alla presenza del titolare approfittando di un semplice momento di distrazione di questi".

 

  • Ma, vedendo bene, queste conclusioni si riferiscono ad un soggetto caratterizzato da una condotta di vita esente da mende e che non esercita professionalmente attività in materia di armi ed esplosivi.

 

E’ questo il motivo per cui esse sono caratterizzate da una motivazione stereotipata e insufficiente a sorreggere il provvedimento di sospensione (fino all'esito favorevole del procedimento penale che lo vede coinvolto).

Il ricorso, in definitiva, è accolto e il provvedimento annullato in quanto basato su motivazioni stereotipe.

 

 

Vedi anche:

Armi / giudizio di inaffidabilità senza motivo: Ministero perde la causa

 

Come evitare revoca licenza armi

 

Custodia armi: quali regole seguire per rispettare la Legge?

 

 

Per una più ampia selezione di post in materia di armi:

diritto delle armi

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta la Redazione, oppure l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 13302 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:16
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.