Venerdì, 08 Settembre 2017 08:28

Diritto (e non interesse) di portare armi: come arrivarci in Italia?

Scritto da
Trasformando giuridicamente quello che oggi è un "semplice interesse" ad andare armati, con un "diritto" ad utilizzare armi per legittima difesa.

 Provocazione o diritto?

Potrà sembrare una provocazione, ma se riflettiamo un momento si tratta di adattare quel principio -che vuole legittima la difesa dei propri beni e delle persone care a cui si tiene- ai criteri già scritti nella Costituzione Italiana.

 

Ossia

la libertà personale è inviolabile,

il domicilio è inviolabile,

la Repubblica riconosce i diritti inviolabili dell'uomo,

il diritto al lavoro,

tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti,

la responsabilità penale è personale,

la Repubblica riconosce i diritti della famiglia, è diritto dei genitori di poter educare i figli,

la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo,

e così via.

 

In Europa qualcuno si muove in questa direzione: all'interno del Parlamento Slovacco, come sappiamo dalle cronache di questi giorni, hanno iniziato a dire che ogni cittadino deve avere il diritto di andare armato.

In Italia, lo sappiamo, esiste una concezione restrittiva dell'utilizzo lecito delle armi e, per certi versi, si tratta di norme che mirano a presidiare l'incolumità e la pubblica sicurezza.

Forse però, è giunto il momento storico in cui questi presidi normativi non sono più attuali e vanno aggiornati.

A livello Parlamentare. 

 

L'arma per difendere i propri diritti

Il timore dell'arma è quello legato ad un utilizzo improprio e pericoloso della stessa: ecco la perenne preoccupazione tanto delle norme quanto dei giudici in Italia.

Questo principio è condivisibile, ma non basta a coprire il vasto scenario dell'utilizzo lecito e coerente dell'armamento in situazioni critiche, dove scatta la necessità difensiva.

 

La lotta al terrorismo internazionale, per esempio, è fenomeno assai diverso, più articolato e complesso di quello legato all'uso lecito di armi da sparo per difendersi: è questo che dovrebbe essere chiaro in sede comunitaria e parlamentare.

 

Iniziate quindi a inserire le vostre osservazioni su questo delicato tema, chissà: forse saremo tanti, ma così tanti da creare una petizione presentabile alle Autorità.

Vi aspetto!

 

 

 

Vedi anche

Armi e convivenza con altri: come evitare pericoli per la collettività

Armi: come funziona il potere di rilasciare licenze

Armi e affidabilità di chi le utilizza: 9 punti da sapere

 

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

328609590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Letto 2349 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:19
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

1 commento

  • Link al commento Fabio Giovedì, 14 Settembre 2017 15:57 inviato da Fabio

    Buongiorno sono un militare in servizio permanente dell'esercito, io sono del parere che almeno le forze armate e dell'ordine dovrebbero avere il diritto su richiesta ad avere il porto armi per difesa personale in esenzione delle tasse, ciò darebbe un numero di persone addestrate e pronte ad intervenire anche al di fuori del servizio. In oltre farei portare arma di servizio anche fuori di esso anche alle forze armate, molti di essi viaggiano in divisa e con mezzi pubblici avendo arma al seguito sarebbe un bel deterrente.

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.