MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Sabato, 19 Agosto 2017 13:45

Legge 104/92 e richiesta di trasferimento negata: due argomenti per un buon ricorso

Scritto da

Assistenza, integrazione sociale e diritti delle persone con handicap: un caso dove l’Amministrazione viene bacchettata dal Giudice Amministrativo ed accoglie l’istanza del ricorrente

 

Il caso

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana con la sentenza n. 00926/2017 ripercorre ancora una volta il tema del trasferimento con riferimento ad un caso dove un dipendente della Polizia Penitenziaria si vede negare per “esigenze organizzative” un trasferimento definitivo ex art. 33 comma 5 l. 104/92 (in pratica: assistenza di un familiare in condizioni di gravità) presso una sede prossima a quella del genitore assistito.

 

 

Il preavviso di rigetto

Il poliziotto, dopo essere stato autorizzato a più distacchi temporanei presso una sede vicina al proprio familiare assistito, decide di chiedere alla propria amministrazione un trasferimento definitivo ai sensi del citato art. 33 co. 5 l. 104.

L’Amministrazione penitenziaria risponde però negativamente, omettendo tra l’altro di effettuare la comunicazione ex art. 10 bis l. 241/90 (ossia il preavviso di rigetto) e adducendo non precisate esigenze organizzative che ostacolerebbero il trasferimento richiesto. 

 

 

La sentenza

Il giudice amministrativo accoglie la richiesta del ricorrente e bacchetta l’amministrazione resistente in quanto:

  • la comunicazione ex art 10 bis l.241/90 è necessaria nel procedimento amministrativo, in quanto è concepita a garanzia del diritto partecipativo del soggetto privato;
  • le asserite “esigenze organizzative ostative all’accoglimento delle istanze di trasferimento non sono dimostrate e sono in palese contraddittorietà con le scelte operate dall’amministrazione stessa la quale: da un lato acconsente al distacco temporaneo per un consistente periodo temporale di un suo dipendente e, dall’altro, ne prospetta una carenza di organico che si verrebbe a creare con il suo trasferimento definitivo.

La pronuncia del Tar Toscana, in linea con la giurisprudenza prevalente, riafferma il fatto che un dispositivo di diniego ad una richiesta di trasferimento deve essere adeguatamente motivato e deve spiegare quali siano le “esigenze organizzative” sia della sede cedente che di quella acquirente del personale, non limitandosi alle solite formule del linguaggio burocratico, a frasi stereotipe, che non hanno un concreto significato o che, comunque, mostrino in modo evidente una scarsa motivazione.

 

 

La norma

La norma commentata è l’art. 10 bis l. 241/90.

"Nei procedimenti ad istanza di parte il responsabile del procedimento o l'autorità competente, prima della formale adozione del provvedimento negativo, comunica tempestivamente agli istanti i motivi che ostano all'accoglimento della domanda. Entro il termine di dieci giorni dal ricevimento della comunicazione, gli istanti hanno diritto di presentare per iscritto le loro osservazioni, eventualmente corredate da documenti.

La comunicazione di cui al primo periodo interrompe i termini per concludere il procedimento che iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine di cui al secondo periodo.  Dell'eventuale mancato accoglimento di tali osservazioni è data ragione nella motivazione del provvedimento finale".

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590             Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 7153 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:53
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590
Altro in questa categoria: « Accesso agli atti Condhotel: che cos'è? »

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is developed by Orange Hat Studios