MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Sabato, 18 Novembre 2017 06:48

Armi e fucile uso caccia, "parenti pericolosi o presunti tali": equivalgono in automatico all'inaffidabilità dell'interessato alle armi?

Scritto da

 

 

La risposta è NO.  Va detto subito

Infatti la causa viene vinta dal ricorrente

 

Altro caso utile ed interessante per gli appartenenti al mondo armiero in generale e al mondo della caccia in particolare.

 

Una sentenza di luglio del Tar Bari, da tenere a mente data la sua importanza.

Un caso dove il Tar spiega che la presunta pericolosità di un familiare non esiste se non è dimostrata da parte dell’Autorità amministrativa (almeno in via potenziale) l’incidenza di tale legame con l’affidabilità sull’uso lecito dell’armamento.

E’ un tema che trattiamo centinaia di volte sfogliando le numerose pagine delle sentenze dei Tar e del Consiglio di Stato; nel nostro bel Paese la questione si affronta più che spesso.

Allora vediamola un po’ più da vicino, con l’aiuto della giurisprudenza del Tribunale amministrativo.

 

 

La vicenda

Partiamo dall’inizio, cercando di semplificare al massimo.  

Dunque: il Questore ha respinto l'istanza presentata dal ricorrente per ottenere il rinnovo di licenza di porto di fucile per uso caccia.

Si evoca la questione della presunta pericolosità di un congiunto in famiglia.

 

 

La tesi del ricorrente

Il ricorrente, dal canto suo, impugna il diniego di rinnovo di porto di fucile uso caccia motivato dal contesto familiare.

Nel suo ricorso cerca di mettere in evidenza che il provvedimento impugnato è illegittimo, visto che non traspare in alcun modo il pericolo della commissione di abuso delle armi.

Difatti, sostiene a viva forza l’interessato, non c’è traccia di addebiti specifici; inoltre non si tiene conto che gli episodi contestati nel provvedimento risalgono pure a diversi anni prima, molti anni addietro.

 

 

La tesi dell’Amministrazione dell’Interno

Spostandoci sul fronte opposto, la posizione dell’amministrazione è, neanche a dirlo, di fermo contrasto.

 

 

Il problema da risolvere

Il succo della questione, allora, eccolo qua.

Di fronte alle tesi contrapposte, i “parenti pericolosi” sono o non sono “realmente pericolosi” (si perdoni il bisticcio di parole) per chi chiede, come l’interessato nel caso in commento, il rinnovo?

 

 

Ebbene, il Tar Bari propone a questo punto una soluzione sensata e utile:

 

Dice infatti:

  • considerato che il diniego si fonda sulla contestazione della presunta pericolosità di un congiunto, in assenza di addebiti precisi e senza chiarire in concreto gli effetti -almeno potenzialmente- pregiudizievoli sull'affidabilità del soggetto titolare del porto di pistola in contestazione;
  • visto che in trent'anni nessun rilievo è stato mosso al ricorrente sotto il profilo della buona condotta e dell'osservanza delle cautele prescritte per l'uso, la detenzione e la custodia delle armi (come attestato nello stesso provvedimento gravato e che, a tutt'oggi, è rimasto incontestato che le armi stesse vengano custodite in apposito armadio di sicurezza blindato);
  • visto che il giudizio di inaffidabilità espresso dall'Amministrazione resistente non è sorretto da sufficienti elementi atti a dimostrare in concreto il pericolo di abuso delle armi; 
  • visto che non è fondato il giudizio sulla sopravvenuta inaffidabilità del soggetto di cui si tratta;
  • visto che nel caso concreto la segnalazione di cui si fa riferimento nel provvedimento risale al 2009, quando il congiunto risultava convivente con lo stesso richiedente;
  • visto che tuttavia, oggi dalla documentazione risulta che la persona non è più residente nel luogo dove risiede il ricorrente e che i certificati penali dello stesso sono negativi, con la conseguenza che il giudizio di inaffidabilità espresso dall'Amministrazione non è supportato da sufficienti elementi atti a dimostrare il pericolo di abuso delle armi;
  • né risulta che al ricorrente sia stato mosso in passato alcun addebito nella utilizzazione dell'arma:

 

Per tutte queste ragioni il ricorso va accolto e va annullato il provvedimento impugnato.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Letto 8391 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

Our website is protected by OHSecurity!