MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Sabato, 16 Dicembre 2017 07:23

Omissioni di cautele necessarie per la custodia di armi ed esplosivi: Cassazione penale da ragione all'imputato

Scritto da

 

 

 

  • Il caso della doppietta nascosta sotto il materasso in camera da letto

La Corte di Cassazione Sezione 1 penale, con la sentenza 6 novembre 2017 n. 50445 ci ripropone l’argomento della contravvenzione ex art. 20 co 2 l. 110/1975, riferendosi all’omissioni di cautele necessarie per la custodia di armi e esplosivi giungendo ad annullare la sentenza per un nuovo esame da parte del tribunale, vista la motivazione generica.

 

La vicenda

In un primo momento il Tribunale dichiara la parte colpevole della contravvenzione di cui alla L. n. 110 del 1975, articolo 20, comma 2 e condanna alla pena di 250 euro di ammenda.

Vediamo perché arriva a questo verdetto provvisorio.

Il Magistrato ritiene che l'imputato abbia trascurato di adoperare nella custodia del fucile doppietta calibro 12, che detiene legittimamente, le cautele necessarie per evitare che altre persone possano impossessarsene facilmente, nascondendolo sotto il materasso della camera da letto.

Inevitabile il ricorso per cassazione, lamentando la violazione della L. n. 110 del 1975, articolo 20.

La norma, dice il ricorrente, ha lo scopo di evitare un accesso agevole all'arma da parte di terzi: non parla però di obbligo di dotarsi di dispositivi antifurto.

 
  • Lo scopo sarebbe quello di evitare che con l'accesso da parte di terzi all'arma si creino situazioni di pericolo, qui non sussistenti, poiché lo stesso fucile è (stato) nascosto e non (era) carico.

  

 

Il ragionamento della Corte  

 

Il ricorso e' fondato.

Una precisazione è d’obbligo.

La Corte ha già spiegato che la L. 18 aprile 1975, n. 110, articolo 20 (omissioni di cautele necessarie per la custodia di armi e esplosivi) indica genericamente un dovere di massima diligenza, senza specificare, in concreto, il suo contenuto.

Che cosa significa?

Semplicemente che compete al giudice di merito stabilire se, in rapporto al fatto concreto, l'agente abbia custodito l'arma con diligenza nell'interesse della sicurezza pubblica.

Si tratta di un giudizio incensurabile in cassazione se e quando la motivazione è logica.

Ora, nel caso della persona interessata la motivazione risulta generica e priva di ogni riferimento specifico al fatto contestato. Tanto porta fuori binario: in pratica astrae la decisione da ciò che risulta dal processo.

 

Al contrario, la motivazione ha la funzione di indicare i dati materiali e le ragioni che l'Autorità Giudiziaria ha posto a fondamento della decisione, applicando la norma astratta alla fattispecie concreta.

Se invece il giudizio non consente di verificare a quali dati sia stato ancorato o le ragioni per le quali gli argomenti difensivi siano stati respinti, esso è niente altro che una mancata giustificazione.

 

 

Ricorso accolto

Viene annulla la sentenza impugnata e si rinvia per un nuovo giudizio al Tribunale.

 

 

Consigli pratici prima di valutare il ricorso

Come sempre il consiglio è di affiancarsi, quando serve, ad un difensore che tratti abitualmente la materia del diritto delle armi, considerate le diverse sfaccettature ed implicazioni che le norme di settore comportano.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Letto 2396 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is a Joomla Security extension!