Lunedì, 25 Febbraio 2019 16:08

Fucile uso caccia, reati fiscali e ambiente familiare compromesso

Scritto da

La Questura non può rigettare l'istanza per ottenere il rinnovo del libretto e della licenza di porto di fucile ad uso caccia, se pende un procedimento penale per un'ipotesi di reato fiscale e se, al contempo, la persona interessata risulta inserita in un contesto familiare compromesso.

 

La posizione della Questura.

Talvolta può accadere che il Questore ritenga di dover respingere al mittente l'istanza di cui parliamo, in quanto ravvisa elementi che ritiene idonei ad alterare il requisito della buona condotta.

Si tratta, per la verità, di un'ipotesi tutt'altro che rara e che, anzi, di frequente viene portata all'attenzione dei magistrati amministrativi.

Pensiamo a quelle situazioni nelle quali, ad esempio, chi chiede il rinnovo abbia in corso una causa penale, magari per reati fiscali oppure, in contemporanea, si trovi a vivere in un contesto familiare non idoneo, per così dire, siccome pericoloso -per l'autorità- anche solo a livello potenziale.

Di fronte a valutazioni discrezionali di questo tipo, che cosa può fare in concreto l'interessato, il quale ritiene che, al contrario, le circostanze rappresentate come ostative dall'organo amministrativo non abbiano nulla a che fare con l'affidabilità e buona condotta in materia di armi?

Ebbene, visti questi specifici elementi ostativi, l'interessato può presentare un ricorso, interessando così un Collegio giudicante e chiamandolo ad esprimersi sulla fattispecie.

Un pò quello che si è verificato con la sentenza del Tar Palermo n. 357 dell'08.02.2019, dove i magistrati hanno accolto il ricorso della persona interessata, motivo per cui prendiamo la pronuncia come valido spunto.

 

La posizione del Tar.

Il tribunale amministrativo, esaminato il rigetto dell'istanza presentata per il rinnovo del libretto e della licenza di porto di fucile ad uso caccia, considerato che pende un procedimento penale per un'ipotesi di reato fiscale e, al contempo, la persona interessata pare inserita in un contesto familiare compromesso, non può fare altro che accogliere il ricorso, dal momento che, per principio generale in giurisprudenza, la revoca della licenza deve essere adeguatamente motivata, in quanto è insufficiente riferirsi al patteggiamento per reati fiscali, se al detentore di armi che da decenni esercita la caccia non può essere imputato alcunché sulla correttezza ed avvedutezza nella custodia e nel maneggio delle armi medesime.

In pratica, rispetto alle due situazioni di dubbio prospettate dalla Questura il Tar, al verificarsi delle medesime condizioni di cui alla pronuncia qui presa come recente punto di riferimento, non potrà che rispondere in questo modo:

1) circa il giudizio penale (evasione di imposta ed iva), si tratta di un reato dal quale non si trae il disvalore nei confronti del ricorrente ai fini del potenziale abuso del titolo di polizia;

2) riguardo poi al rapporto parentale dubbio, ebbene questo di per se non è mai rilevante ai fini dell'istanza di cui si discute.

Tutto questo, ovviamente, va visto alla luce di eventuali rinnovi nel frattempo concessi all'interessato: come ben si intuisce, si tratta di un elemento di non poco conto, dal momento che se il fatto reato è antecedente all'ultimo rinnovo di licenza concesso, l'amministrazione non può far finta di niente omettendo un convincente giudizio sull'attualità del pericolo che la persona interessata possa, in astratto, abusare del titolo di polizia già posseduto.

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2791 volte Ultima modifica il Lunedì, 25 Febbraio 2019 16:46
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.