Venerdì, 08 Dicembre 2023 15:41

Assegnazione temporanea 42 bis militari: ricorso accolto In evidenza

Scritto da

Il Consiglio di Stato, in data natalizia del 2020, ha ratificato la richiesta di assegnazione temporanea avanzata da un militare ai sensi dell'articolo 42 bis del decreto legislativo 151/01.

 

 

 

Quando l'amministrazione militare, motivata dalle generiche esigenze di servizio, respinge l'istanza di assegnazione temporanea del militare ai sensi dell'articolo 42 bis del decreto legislativo 151/01, è imperativo che il giudice intervenga, sbarri la strada alle ragioni dell'amministrazione e accolga le valide argomentazioni del dipendente.

 

L'articolo 42 bis, comma 1, del decreto legislativo 151/2001 dispone che il genitore di figli minori fino a tre anni dipendente di amministrazioni pubbliche, come definite dall'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, può essere temporaneamente assegnato, su richiesta, per un periodo massimo di tre anni, ad una sede di servizio situata nella stessa provincia o regione in cui l'altro genitore svolge la propria attività lavorativa. Tale assegnazione è subordinata alla disponibilità di un posto vacante con corrispondente retribuzione e previo consenso delle amministrazioni coinvolte. Il dissenso, se espresso, deve essere motivato e limitato a circostanze eccezionali.

 

Il Consiglio di Stato, in una recente Ordinanza (n. 7434/2020 pubblicata dalla Quarta Sezione in data 24.12.2020), ha respinto un appello incidentale del Ministero e accolto le ragioni di un militare della Guardia di Finanza.

 

Il maresciallo, padre di una bambina, aveva presentato una richiesta di assegnazione temporanea per poter lavorare nella stessa città in cui la moglie risiede e lavora con la figlia. L'amministrazione ha respinto la richiesta, sostenendo una presunta carenza di personale e la necessità di presidiare un campo profughi a causa della criminalità organizzata attiva nella zona.

Il giudice di primo grado ha accolto la richiesta cautelare del militare, ritenendo il rifiuto immotivato. Nonostante le modifiche legislative introdotte, il giudice ha considerato che il militare non avesse mai prestato servizio di vigilanza nel campo profughi indicato. Ha quindi ordinato l'assegnazione provvisoria con un breve termine per l'adempimento da parte dell'amministrazione.

L'amministrazione ha proposto un appello cautelare contro questa decisione, ma il militare ha resistito, sottolineando la serietà della sua situazione familiare, compresa la recente ricovero della madre della bambina per contagio da coronavirus, essendo infermiera in un reparto a rischio.

L'appello cautelare è stato respinto dal Consiglio di Stato in quanto le esigenze di servizio, di fronte a una situazione familiare di necessità, sono state rappresentate in modo generico dall'amministrazione.

 

In conclusione, l'appello è stato respinto a favore del militare, che ha ottenuto anche il rimborso delle spese legali a carico del Ministero.

 

Altre informazioni?

Contatta lo Studio Pandolfi Mariani

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Letto 430 volte Ultima modifica il Mercoledì, 31 Gennaio 2024 09:19
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.