Venerdì, 05 Ottobre 2018 14:28

Separazione tra coniugi ed esame neuro - scientifico

Scritto da

 

Separazione tra coniugi ed esame neuro-scientifico

Quando una coppia si separa, spesso in tribunale occorre valutare l’idoneità dell’uomo e della donna anche come figure genitoriali: tante volte è necessario indagare su questa qualità, per capire se chi si sta separando può adeguatamente svolgere quel ruolo.  Su questo fronte oggi i tecnici dispongono della classica consulenza tecnica d’ufficio ma anche di una nuova metodica, meglio nota come “esame neuro scientifico”. Cerchiamo di capire, in breve, di che cosa si tratta.

 

Indice

Esame neuro scientifico e aumento del numero delle separazioni

Esame neuro scientifico, un nuovo metodo

Esame neuro scientifico, il QEEG

Esame neuro scientifico, cosa individua il QEEG

Esame neuro scientifico e ambito forense 

Esame neuro scientifico: in pratica 

 

Esame neuro scientifico e aumento del numero delle separazioni

 

Da alcuni anni le separazioni tra coniugi sono aumentate esponenzialmente e, i giudici, sono sempre più inclini a valutare l’idoneità genitoriale attraverso consulenze psicologiche - psichiatriche.

C’è da dire, purtroppo, che i risultati ottenuti attraverso le consulenze classiche non sempre sono risolutivi e, anzi, non rispondono quasi mai scientificamente al decisivo quesito sulla valutazione dell’idoneità genitoriale delle parti.

Gli strumenti usati nelle c.t.u., consulenze tecniche d’ufficio, sembrano dunque inattendibili.

Una scarsa diagnosi clinica, un’anamnesi, a volte pretestuosa, non individua i veri trascorsi delle parti specie se supportata da batterie testo logiche non idonee specie nella pratica forense.

Trattandosi di test proiettivi, in definitiva si può affermare che essi hanno una scarsa attendibilità scientifica.

La scarsa attendibilità è dovuta alle codificazioni attraverso il metodo cieco e l’influenza del contesto sui punteggi o, meglio, la scuola di pensiero dell’esaminatore.

 

Esame neuro scientifico, un nuovo metodo

 

Da qui la necessità di inserire nelle consulenze tecniche un metodo con un profilo più scientifico e meno proiettivo.

Da questo bisogno concreto in America, da ben dieci anni, è nato il QEEG.

 

Esame neuro scientifico, il QEEG

 

Cosa elabora e su cosa si basa il QEEG?

Parliamo dell’elettroencefalografia quantitativa.

Sembra un parolone, ma l’elettroencefalografia quantitativa è un processo di valutazione che fornisce informazioni molto dettagliate sulla specifica funzione cerebrale.

 

Esame neuro scientifico, cosa individua il QEEG

 

Cosa individua il QEEG?

Vediamo, uno per uno, gli aspetti che indaga.

Problemi di ansia;

Delirio cognitivo negli anziani;

Depressione;

Emicrania;

Disturbo ossessivo compulsivo;

Disturbo da stress post-traumatico,

ed altro ancora.

 

Esame neuro scientifico e ambito forense  

La diagnostica è stata introdotta ampiamente nell’ambito forense americano, dando riscontri ottimali con ottenimento di profili reali e verificando se nel soggetto vi è presenza di pericolosità sociale o meno.

In America se ne è riconosciuta la validità e progressivamente si sono eliminati i test proiettivi, che non producevano una diagnosi corretta.

Ad esempio e a conferma di ciò, la Suprema Corte Americana ha accolto questa metodologia come pienamente rispondente a criteri di scientificità “DAUBERT”.

Inoltre, di recente, un tribunale della Florida ha revocato una sentenza di pena capitale sulla base delle prove raccolte attraverso il QEEG.

 

Esame neuro scientifico: in pratica  

Questa metodica, applicata all’interno delle consulenze tecniche d’ufficio, permetterebbe di disporre dei reali profili psicologici di chi è sottoposto ad indagine, potendosi facilmente dimostrare le reali condizioni psicologiche ed evidenziando le patologie in essere, a loro volta recuperabili attraverso tecniche di neuro feedback.

 

Vedi altre pubblicazioni

https://www.miaconsulenza.it/psicologia/12-psicologia/32-il-buon-genitore-esiste-un-manuale

https://www.miaconsulenza.it/psicologia/12-psicologia/15-alienazione-parentale-che-cos-e-come-nasce

https://www.miaconsulenza.it/psicologia/12-psicologia/243-uomo-subisce-violenza-come-tutelarlo

Dott. Bernabeo Maria Emilia Claudia

Psicologa-Psicoterapeuta

Consulente del Tribunale Di Roma

Mediatore Familiare

Via Cianciana13, 00133 Roma

Letto 524 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Ottobre 2018 15:08
Maria Bernabeo

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

La Dott. Maria Bernabeo si è laureata in psicologia nel marzo 1979; è abilitata in psicoterapia Junghiana dal marzo 1990.

Dal 1979 al 1987 ha collaborato presso l’istituto Leonarda Vaccari in qualità di volontaria, seguendo bambini con disturbi psicofisici.

Dal 1987 al 1995 ha collaborato con qualifica di frequentatore scientifico presso la VI Clinica Psichiatrica dell’Università di Roma la Sapienza.

Dal 1995 ad oggi esercita presso il proprio studio: terapia individuale, di coppia, familiare, consulente Tecnico di parte presso il tribunale di Roma; inoltre è Mediatore Familiare.

Dal 1998 collabora con varie associazioni di genitori separati; attraverso questa collaborazione ha studiato ed approfondito alcune tematiche del diritto di famiglia: PAS (alienazione genitoriale) false denunce di violenza domestica e di abuso, denunce di stalking, mobbing genitoriale.

Presidente dal 2005 dell’Associazione Help Family, attraverso la quale promuove progetti nella scuola (prevenzione al bullismo, sportelli ascolto, tutela dei rapporti minore–genitore).

Per contattare la Dottoressa Maria Bernabeo: 334 565 3199.

Informazioni e recapiti

  • Nazione
    Italy
  • Mobile
    +39.3345653199
Altro in questa categoria: « Uomo subisce violenza: come tutelarlo?

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.