Venerdì, 24 Maggio 2019 08:01

Armi e vecchi precedenti penali

Scritto da

 

 

Divieto detenzione armi: un precedente penale molto lontano nel tempo non esprime l’attuale inaffidabilità della persona.

 

 

Quando la condotta, seppure antigiuridica, della persona interessata è stata determinata da violente reazioni altrui ad un tentativo di pacificazione avviato dalla prima, magari in un luogo particolare ed in una circostanza particolare di tanto tempo fa che vede la presenza di facinorosi, ebbene tale condotta oggi non dice nulla sull’eventuale affidabilità o inaffidabilità del soggetto circa l’uso delle armi.

 

Quello qui sopra rappresentato come ipotesi astratta è stato il reale sfondo analizzato dalla Sezione Quarta del Tar Catania in occasione della sentenza n. 1223 del 09.05.2019 e pubblicata il 23.05.2019, un ricorso vincente avverso il provvedimento del Prefetto di mancato accoglimento della istanza di revoca del divieto di detenzione di armi e munizioni precedentemente adottato nei confronti dell’interessato.

 

Quel provvedimento prefettizio era stato adottato sul presupposto di una vecchissima sentenza penale del 2002, di condanna del ricorrente per reati di detenzione e porto abusivo di arma il luogo pubblico e di lesioni personali, inoltre per la circostanza che “l’amministrazione mantiene il potere di valutare i fatti-reati nella loro obiettiva dimensione storica, espressiva della personalità e della non affidabilità del richiedente al corretto uso delle armi, indipendentemente dalla formale estinzione del reato”.

 

Ora, spiega il Tar di Catania, per quanto la sentenza penale abbia disposto all’epoca la condanna dell’attuale ricorrente escludendo la scriminante della legittima difesa in quanto egli, con l’aver posto in essere il proprio infruttuoso tentativo di pacificazione avrebbe determinato volontariamente la situazione di pericolo per la sua incolumità, rimane in ogni caso una forte incidenza del contesto in cui si svolsero i fatti e ciò in ordine al valore prognostico, fortemente ridotto, che dai quei fatti può essere tratto in tema di affidabilità dell’interessato circa il possesso e l’uso di armi da sparo.

 

Inoltre, sottolinea il Collegio catanese di Magistrati, la richiesta di revoca è stata formulata nel 2015, cioè dopo più di 12 anni dai fatti del 2002, in relazione ai quali era stata resa la sentenza penale del sempre del 2002 e dopo la dichiarazione di sopravvenuta estinzione dei reati.

 

In sostanza: a fronte della indubbia rilevanza del contesto che ha determinato i comportamenti del ricorrente nel lontano 2002 e della assenza di successive mende allo stesso imputabili, il Collegio ritiene che il generico riferimento ad una “ulteriore istruttoria” all’interno della motivazione del provvedimento impugnato non lo affranchi dal vizio di difetto di istruttoria.

 

Infatti, è possibile desumere solo che l’Amministrazione si è limitata alla utilizzazione di un precedente penale, ma talmente lontano nel tempo da non essere espressivo di un'attuale inaffidabilità del soggetto.

 

Tradotto in due parole: motivazione insufficiente.

 

In conclusione, il Ministero dell’Interno perde la causa e viene condannato alle spese di lite.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1422 volte Ultima modifica il Venerdì, 24 Maggio 2019 08:04
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.