Venerdì, 20 Dicembre 2019 15:47

Come incide il reato sulla licenza di porto di fucile uso caccia

Scritto da

 

Non tutti i fatti penalmente rilevanti sono ugualmente significativi ai fini del giudizio sulla possibilità di abuso delle armi.

Infatti:

(a) se parliamo di reati commessi proprio mediante l’uso o l’abuso delle armi, l’inaffidabilità della persona emerge in tutta la sua evidenza: in un caso del genere il divieto di detenzione delle armi non richiede alcuna particolare motivazione;

(b) – in un altro gruppo di casi, pur mancando una diretta relazione con l’uso delle armi si potrà sostenere che taluni reati siano rilevanti ai fini del divieto, in quanto segnalano una personalità portata alla violenza fisica contro le persone;

(c) – mentre, per tutti quei reati nei quali non solo manca l’impiego delle armi, ma che neppure danno alcuna indicazione indiretta riguardo ad una possibile propensione all’abuso delle medesime, la possibilità di trarne elementi di valutazione ai fini del divieto, se non è esclusa in radice, quanto meno è remota e legata a particolari contingenze, che in ogni caso devono essere esplicitate nella motivazione del provvedimento amministrativo.

L’importante criterio è stato riaffermato dal Consiglio di Stato, Sez. III, 21 aprile 2015, con sentenza n. 2009; la sentenza ultima che lo ha espressamente riproposto è la n. 2838 del 03.12.2019, pubblicata dalla Terza Sezione del Tar per la Sicilia in data 09.12.2019.

 

 

Indice

Il primo motivo di ricorso  

Il secondo motivo di ricorso

Conclusioni

Come chiedere assistenza allo studio legale?

 

 

Nel caso pratico, la Questura nega l’istanza di rinnovo della licenza di porto di fucile uso caccia presentata dall’interessato.  

 

 

Il primo motivo di ricorso

Il ricorso viene impostato su due differenti critiche; la prima verte sul presupposto che il diniego è in parte diverso da quello indicato nella comunicazione di avvio del relativo procedimento, mentre la seconda sul fatto che i procedimenti penali indicati dalla Questura non riguardano episodi di violenza, o fatti idonei a far ritenere che il ricorrente possa essere ritenuto pericoloso o, comunque, capace di abusare delle armi.

Questo, in sintesi, l’antefatto del ricorso.

Il Tar ritiene fondato il primo motivo, con il quale il ricorrente si lamenta della violazione delle garanzie partecipative.

Dice infatti il Tribunale che, al fine di rendere effettiva la partecipazione al procedimento, è necessario che l’Amministrazione esponga al destinatario le ragioni che costituiranno il tessuto motivazionale del provvedimento finale; non potendo, di norma, adottare tale atto sulla base di ragioni non esposte chiaramente prima.

Nel caso trattato, i Giudici hanno notato che la comunicazione di avvio del procedimento, inviata dalla Questura al ricorrente, faceva riferimento alla pendenza di un procedimento penale per i reati di cui agli articoli 483 e 640 bis c.p., pare commessi negli anni compresi dal xxxx0 al xxxx4; e, sebbene tale motivazione sia stata riprodotta nel provvedimento impugnato, in tale atto si fa anche riferimento a un’altra circostanza, non indicata nella comunicazione di avvio, relativa alla segnalazione della Guardia di Finanza del xx xxxxx xxxx3 a carico del ricorrente, nella qualità di legale rappresentante di un’associazione sportiva, per presunta violazione degli articoli 4 e 5 del d. lgs. n. 74/2000.

Ora, se l’interessato fosse stato informato di questo ulteriore addebito, avrebbe potuto produrre il decreto di archiviazione; provvedimento, che, ovviamente, l’Autorità non ha potuto valutare in fase istruttoria.

 

 

Il secondo motivo di ricorso

In materia di porto d’armi l’autorità di pubblica sicurezza dispone di un ampio potere discrezionale, correlato alla delicatezza degli interessi pubblici coinvolti, alla finalità preventiva dei provvedimenti concernenti le armi, nonché alla circostanza che il rilascio o il rinnovo della licenza costituisce una deroga al generale divieto di portare armi.  

Detto questo, deve rilevarsi che – sebbene per l’adozione di un diniego non sia necessario il comprovato abuso, ma è sufficiente un plausibile e motivato convincimento dell’autorità di P.S. circa la possibilità di abusare delle armi – questa valutazione, pur ampiamente discrezionale deve dar conto delle circostanze in base alle quali il soggetto destinatario del provvedimento negativo non sia o, nel caso di diniego di rinnovo della licenza, non sia più affidabile nell’uso delle stesse armi; e la valutazione deve riguardare anche la personalità dell’interessato.

Ora, nel caso trattato, il Collegio nota che dalle premesse del provvedimento impugnato non emerge né l’incidenza dei reati per i quali il ricorrente risulta sottoposto a procedimento penale; né, le ragioni dell’inaffidabilità nell’uso delle armi del predetto, già titolare da molti anni della licenza di porto di fucile.

Inoltre i reati su indicati – in ordine ad uno dei quali, peraltro, il ricorrente ha documentato l’adozione del decreto di archiviazione – non appaiono neppure direttamente connessi all’uso delle armi.

 

 

Conclusioni

Il fatto che ci interessa è questo: nel provvedimento nel quale sono stati valorizzati reati dove non si riscontra l’uso delle armi, l’Autorità procedente non ha fornito alcuna specifica motivazione su eventuali caratteristiche di tali condotte, utili a indicarne la rilevanza ai fini dell’adozione del provvedimento negativo.

Pertanto il ricorso, in quanto fondato, viene accolto e annullato il provvedimento impugnato, salvi gli ulteriori provvedimenti di competenza dell’Amministrazione.

 

 

 

Come chiedere assistenza allo studio legale?

Per avere assistenza legale o chiedere un parere per valutare la presentazione di un ricorso, basta utilizzare il portale MiaConsulenza.it, oppure inviare il quesito utilizzando la mail di studio: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

E’ sempre possibile contattare direttamente l’Avv. Francesco Pandolfi all’utenza mobile 3286090590.

Lo studio è a tua completa disposizione anche se hai solo bisogno di parlare del tuo caso, oppure di avere un resoconto sulle sentenze favorevoli che possono esserti di aiuto per una memoria difensiva o per il tuo ricorso.

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1431 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.