MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Domenica, 02 Dicembre 2018 16:02

Militare, domanda di trasferimento sempre respinta: cosa fare?

Scritto da

 

L’AVVOCATO RISPONDE

LE DOMANDE

Salve Avvocato, sono un appuntato dell’arma dei Carabinieri in servizio presso xxxxx. Con la presente autorizzo il trattamento dei miei dati e sono a chiederLe un parere a titolo informativo circa le mie domande di trasferimento presentate ai sensi dell’art. 398 del R.G.A dell’Arma dei Carabinieri.

Come da documentazione allegata; nello specifico vorrei chiederLe se l’amministrazione poteva rispondere negativamente alla mia prima istanza di trasferimento ai sensi della legge 104 dei miei genitori.

Inoltre, vorrei sapere se la mia seconda istanza non venisse accolta (quasi certamente non verrà accolta) come devo comportarmi?

Attualmente mia moglie lavora tra xxxxx e xxxx presso la ditta yyyyyy, pur avendo un contratto di “xxxx” mia moglie deve comunque recarsi a yyyy almeno n volte al mese.

Francamente detta situazione è diventata insostenibile per la gestione del minore; tanto da pensare di interpormi, all’insaputa di mia moglie, tra la ditta yyyy e mia moglie per far sì che il rapporto lavorativo cessi.

Nel frattempo, inoltre, ho presentato n. 2 domande di trasferimento tramite procedura ordinaria, nr. 2 istanza per essere trasferito presso le Sezione di PG presso il Tribunale xxx, nr. 1 prenotazione per il nucleo Carabinieri xxxxxx, nr. 1 selezione per il corso di rrrr; il tutto con esito negativo.

Detto ciò, ci sono i presupposti per un eventuale ricorso (anche se prematuro poiché non sappiamo i motivi del non accoglimento dell’istanza)?

Devo produrre richiesta di accesso agli atti ed estrapolare io personalmente copia?

Quali potrebbero essere le potenziali azioni da fare nei confronti dell’amministrazione?

 

RISPOSTE AI QUESITI

Vagliata la documentazione da Lei inviata, si rileva una concreta situazione di disagio a suo carico.

Come è noto, questo tipo di trasferimento "a domanda" viene valutato dall'amministrazione in un’ottica più distaccata, protesa a salvaguardare gli organici della Regione cedente.

Anche il tema della 104 non ha dato i suoi frutti, poiché non ricompresa nella “situazione di gravità”.

Ciò premesso:

  1.  qualora fosse possibile un aggiornamento della valutazione di gravità con certificazione di cui all'art 3 co. 3 (vista anche l'età dei genitori), si potrebbe tentare nuovamente di percorre la strada tracciata per questo istituto.
  2.  In alternativa, si può consigliare di rinnovare un'unica istanza ai sensi dell’art. 398, riepilogando ed attualizzando i motivi di ricongiungimento al coniuge, quelli sanitari e di assistenza del coniuge, con quelli di assistenza ai familiari.
  3.  In caso di ulteriore esito negativo, si potrebbe valutare il percorso giudiziale per eccesso di potere e carenza motivazionale (c.d. ipotesi dei “provvedimenti ciclostile”).
  4.  Inoltre si può consigliare di ricorrere all'istituto del trasferimento temporaneo che, verosimilmente, verrebbe accordato con più facilità ed in tempi ristretti.

Ciò, oltre a garantire una tempestiva risoluzione del caso, potrebbe consentire, un domani e in sede di ricorso, di far emergere anche la contraddittorietà delle motivazioni dei provvedimenti.

 

A Sua disposizione per qualsiasi altra esigenza di assistenza e consulenza legale.

Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Letto 455 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

Our website is protected by OHSecurity!