Giovedì, 16 Gennaio 2020 09:26

Armi: ammonimento del Questore e atti persecutori

Scritto da

 

L’Avvocato risponde

 

Domanda

In tema di ammonimento orale del Questore a tenere una condotta conforme a Legge e a non insistere in comportamenti costituenti atti persecutori (il caso riguarda un ammonimento nascente da un’istanza di un’ex convivente della persona interessata e a denuncia penale successiva alla separazione), in mancanza di sufficienti elementi di prova in sede penale nei confronti del coniuge denunciato, l’ammonimento di per sé vale lo stesso a dimostrare la condotta persecutoria prevista dall’art. 612 bis codice penale, magari con qualche risvolto negativo in sede amministrativa per le armi?

 

 

Risposta

No, nel caso in cui il GIP disponga l’archiviazione della denuncia-querela per il reato ex art. 612-bis c.p., per mancanza di sufficienti elementi di prova nei confronti della persona interessata.

In pratica: questo accade quando risulta che i comportamenti non sono consistiti in minacce o molestie ripetute nei confronti della persona offesa, inoltre che la prova dell’effettiva verificazione di quanto denunciato è rimasta contraddittoria.

Ecco, in una situazione di incertezza probatoria di questo tipo non c’è una condotta persecutoria ex art. 612 bis c.p. sulla base della semplice emissione dell’ammonimento del Questore e, quindi, passando al piano amministrativo, l’eventuale rigetto del Questore di un’istanza di annullamento in autotutela dell’ammonimento può essere anche infondato e, in definitiva, può diventare oggetto di ricorso al Tar.

  

Sul tema è bene segnalare la recente sentenza del Consiglio di Stato Sezione Terza n. 65/2020, pubblicata in data 07.01.2020.

 

Per tornare rapidamente alla questione trattata ed offrire uno spunto difensivo che magari può tornare utile chi si riconosca in situazioni analoghe, il senso del discorso è questo.

La Questura deve spiegare bene quali siano gli atti istruttori successivi al decreto di ammonimento, da cui a suo parere emergano ulteriori comportamenti, condotte reiterate, minacce o molestie successive a quelle inizialmente considerate, che ancora giustifichino una valutazione di permanenza dell’opportunità di mantenere in vita l’ammonimento stesso, magari a distanza di anni.

Così come deve spiegare e motivare accuratamente quali fatti e comportamenti riferiti alla persona interessata siano stati valutati ostativi all’annullamento in autotutela, tenuto conto delle considerazioni svolte in penale con l’ordinanza di archiviazione del procedimento penale.

Non può limitarsi ad una clausola o a una frasetta precompilata, magari uguale in tutti i casi su moduli ciclostile.

 

 

 

Come chiedere assistenza allo studio legale?

Per avere assistenza legale o chiedere un parere per valutare la presentazione di un ricorso, basta utilizzare il portale MiaConsulenza.it, oppure inviare il quesito utilizzando la mail di studio: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

E’ sempre possibile contattare direttamente l’Avv. Francesco Pandolfi all’utenza mobile 3286090590.

Lo studio è a tua completa disposizione anche se hai solo bisogno di parlare del tuo caso, oppure di avere un resoconto sulle sentenze favorevoli che possono esserti di aiuto per una memoria difensiva o per il tuo ricorso, oppure se vuoi assistenza in causa.

 

 

 

Vuoi fare una donazione di piccolo valore per il sito MiaConsulenza.it?

Se pensi che le informazioni che ti diamo sul nostro sito sono utili per te e per altre persone, allora sostieni l’attività e fai in modo che le pubblicazioni possano continuare ed aumentare.

Dona adesso: usa WhatsApp 3286090590 e scrivi:

“voglio donare”.

Riceverai informazioni

 

 

 

Altre info?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1003 volte Ultima modifica il Giovedì, 16 Gennaio 2020 09:38
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.