Sabato, 12 Dicembre 2020 10:17

Termini per aggiornare divieto detenzione armi

Scritto da

Quando viene presentata un’istanza per la revoca o aggiornamento di un divieto detenzione armi, se la Prefettura rimane in silenzio è possibile chiedere al Tar di accertare l’obbligo di riesame in autotutela.

 

 

 

Revocare il divieto

Come procedere

La sentenza che lo prevede

Chiedi una consulenza

 

 

 

Revocare il divieto

L’argomento è di un certo interesse pratico visto che spesso l’amministrazione, ricevuta un’istanza di riesame in autotutela per rivedere in meglio il divieto di detenzione armi in precedenza disposto, sceglie di non rispondere alla domanda del privato.

 

Per molto tempo è stata sostenuta la tesi secondo la quale l’amministrazione non sarebbe tenuta a rispondere, non esistendo un obbligo giuridico per farlo in questa particolare materia.

 

Tuttavia, dal momento che il divieto è niente altro che un’inibitoria perenne, è stata anche sostenuta la tesi contraria, secondo la quale il provvedimento non può essere considerato permanente.

 

Questa seconda teoria si è affermata e dunque, ad un certo punto, tutti concordi nel dire che il divieto si può riesaminare dopo un certo tempo, a patto che vi sia stato un mutamento sostanziale delle circostanze che lo avevano originato.

 

In pratica, nel momento in cui la Prefettura resta in silenzio sulla domanda di riesame scatta un interesse del richiedente a ricorrere al giudice amministrativo, al fine di reclamare il cosiddetto silenzio-rifiuto formatosi sulla richiesta di aggiornamento del divieto di detenzione delle armi.

 

 

 

Come procedere

Il rimedio che può mettere in atto la persona interessata, nel caso in cui la Prefettura non risponda, è questo:

 

  • deve presentare l’istanza di aggiornamento del divieto;
  • la Prefettura non risponde entro 90 giorni;
  • deve presentare, con un avvocato, il ricorso al Tar segnalando il silenzio-rifiuto;
  • il Tar accerta l’obbligo della Prefettura di provvedere sull’istanza di riesame;
  • il Tar assegna all’amministrazione un termine di 90 giorni per il riesame e per emanare un provvedimento espresso.

 

 

 

La sentenza che lo prevede

La Sezione Quinta del Tar Campania, con la sentenza n. 2210/2020 pubblicata in data 04.06.2020, ha sancito tutto ciò, in un caso dove è stato riconosciuto al destinatario del provvedimento l'interesse giuridicamente protetto ad ottenere dall'Amministrazione un riesame della propria posizione, essendo rappresentato un mutamento sostanziale delle circostanze valorizzate nel provvedimento ed essendo trascorso un ragionevole lasso di tempo dallo stesso.

 

Entrambi questi presupposti sono stati riscontrati, essendo trascorsi cinque anni dal provvedimento e avendo il ricorrente dedotto la sopravvenuta estinzione del reato.

 

L'obbligo che, specularmente, si è venuto a configurare in capo all'Amministrazione è consistito nel dare corso al procedimento di riesame entro i termini di legge, ferma restando l'ampia discrezionalità che le compete quanto al suo esito finale, sindacabile in caso di manifesta illogicità, irragionevolezza e travisamento dei fatti.

 

 

 

Chiedi una consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 4599 volte
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.