MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Giovedì, 17 Agosto 2017 19:30

Come essere risarciti dalla banca che si fa trafugare le cassette di sicurezza

Scritto da

Si tratta di casi dove la banca deve risarcire il danno, senza se e senza ma

 

Il cuore della pronuncia

Il caso specifico: grazie alla Prima Sezione civile della Corte di Cassazione (sentenza n. 18367 depositata il 27 luglio 2017), il cliente "vittima" ne esce agevolato, in quanto nella causa per il risarcimento dei danni derivati da furto nella cassetta di sicurezza il Magistrato può utilizzare come prova anche solo il cosiddetto giuramento estimatorio (si tratta di quel particolare giuramento deferito dal giudice quando non è possibile determinare in alcun altro modo il valore di una cosa).

 

Il caso

Chi si affida ad una banca, anzi più precisamente alla custodia bancaria, ha molto a cuore il problema nascente da questo tipo di rischi.

Diciamo pure che, a prima vista, pare una cosa strana che con le moderne tecnologie e i sosfisticati sistemi di allarme, bande più o meno organizzate riescano ugualmente a svaligiare una o più cassette di sicurezza.

Ma tant'è: a Torre Annunziata l'istututo bancario del caso in esame è stato letteralmente depredato. Caso ha voluto che la cassetta di sicurezza di cui stiamo parlando avesse al suo interno gioielli e preziosi di ingente valore (un miliardo delle vecchie lire).

 

 

La difesa della banca

L'Istituto tenta di difendersi addossando la "colpa" al suo cliente, sostenendo di non aver mai ricevuto dal depositante la dichiarazione dell'ammontare esatto dei valori in custodia.

La Magistratura è però chiara su questo punto: quando si parla di contratto di custodia si fa riferimento per legge solo ed esclusivamente al comportamento diligente (molto diligente) del custode. Niente altro.

Ecco perché non importa sapere e conoscere l'esatto quantitativo di beni preziosi depositati; in pratica la segretezza di cui il cliente beneficia è intangibile e non è disciplinata da particolari obbligazioni.

 

 

La difesa del cliente

Si basa sull'elenco dettagliato e tempestivo dei gioielli depositati; questo elenco (con il correlativo valore) viene liberamente apprezzato e valutato dal giudice: addirittura può essere (e in questo caso è stato effettivamente così) l'unico elemento di prova, vista l'incertezza probatoria derivante dal resto dell'istruttoria processuale.

Va detto anche che contribuisce, nel caso esaminato, a formare il convincimento della Corte di Appello (il Tribunale aveva in un primo momento respinto la domanda risarcitoria) il fatto che, stranamente, l'ente creditizio si è comportato con una smarcata sbadataggine, avendo momentaneamente disattivato gli allarmi oltre ad aver lasciata aperta la porta blindata nel caveau!

 

 

Conclusione

In questa materia, dice la Cassazione, ogni patto che tenda a limitare la responsabilità del debitore è nullo.

Il risarcimento per l'ingente danno è quindi accordato.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Letto 2633 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:55
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

Our website is protected by OHSecurity!