MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Mercoledì, 04 Luglio 2018 13:56

Pistola per difesa personale: finalmente ci siamo sui rinnovi della licenza

Scritto da
Avv. Francesco Pandolfi     3286090590

 

LA NOVITA'

Finalmente il Consiglio di Stato tira fuori una sentenza destinata a fare storia a tutto vantaggio di chi aspira al porto (C.d.S. sentenza n. 4055 del 3 luglio 2018).

Si perchè in materia di licenza di porto di pistola per difesa personale ormai da troppi anni si registrano problemi in sede di rinnovo: la Prefettura, come è ben noto, si sente libera di dire no alla richiesta di rinnovo perchè l'attività professionale del richiedente, ad esempio, non lo espone a rischi o pericoli specifici (pensiamo all'avvocato, al notaio, all'assicuratore, all'imprenditore, al medico e così via).

Anzi, spesso si sente dire dall'Amministrazione: il fatto che per anni la persona interessata sia stata autorizzata sugli stessi presupposti della richiesta attuale, non è un valido motivo per impedire al Ministero dell'Interno di cambiare orientamento e, quindi, di rivalutare al negativo i requisiti per concedere il provvedimento che si chiede.

Ebbene questa nuova e dirompente sentenza cambia le carte in tavola, afferma un importante principio e di fatto apre realmente le porte ad una valanga di ricorsi per tutti coloro che hanno ricevuto o dovessero ricevere il diniego nei termini sopra descritti.

 

IL PRINCIPIO DI BASE

Ciò che precisa il Consiglio di Stato è un fatto semplice ma decisivo allo stesso tempo.

In pratica, non si vuole mettere in discussione il potere dell'amministrazione, che è quello di cambiare orientamento in ordine all'autorizzazione al porto d'armi per difesa personale.

Il principio invece da affermare è che questo potere va usato con l'obbligo di specificare sempre una motivazione adeguata (una motivazione rafforzata), soprattutto nei casi in cui il permesso è risalente nel tempo ed è stato sempre prorogato in quanto sono mancati abusi del suo titolare.

Se questo obbligo non viene osservato, il provvedimento di rigetto non regge e può essere quindi contestato con il ricorso.

 

QUALI VALUTAZIONI PUO' FARE LA PREFETTURA

E' bene in ogni caso avere sempre presente che l'Amministrazione può effettuare le seguenti valutazioni in occasione del rinnovo del porto: può tenere conto del particolare momento storico, delle peculiarità delle situazioni locali, delle considerazioni che in rapporto all'ordine e alla sicurezza pubblica si posso formulare a proposito di determinate attività e di specifiche situazioni.

In questi casi il Ministero dell'Interno è legittimato ad adottare criteri rigorosi per esaminare le istanze degli interessati, tenendo conto dell'esigenza di limitazione della diffusione delle armi.

 

QUALI VALUTAZIONI NON PUO' FARE LA PREFETTURA

Se questi criteri appena enunciati sono veri, è altrettanto vero che la Prefettura, come sopra anticipato, non può utilizzare il suo potere discrezionale senza adottare una motivazione rinforzata.  Nel caso in cui il Ministero si dovesse limitare a richiami verso generiche "direttive", ebbene tanto non basterebbe per giustificare la motivazione.

COSA FARE IN CASI SIMILI

Nel caso in cui la persona interessata al porto si dovesse trovare di fronte ad un diniego di questo tipo, potrà sfruttare la leva offerta dalla sentenza del Consiglio di Stato qui segnalata e ricorrere al Magistrato amministrativo mettendo in evidenza le lacune del diniego (mancanza di motivazione rafforzata).

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 14398 volte Ultima modifica il Mercoledì, 12 Settembre 2018 15:36
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

3 commenti

  • Link al commento Francesco Pandolfi Venerdì, 30 Novembre 2018 19:25 inviato da Francesco Pandolfi

    Per Gianluca: provi a consultare su questa sezione di "Diritto delle Armi" il post del 23.11.2017 in materia...

  • Link al commento Gianluca Bertazzo Giovedì, 29 Novembre 2018 11:58 inviato da Gianluca Bertazzo

    Buongiorno Avvocato sono una Guardia Giurata Venatoria volevo sapere se posso fare richiesta del porto di pistola anche perché quando sono in servizio vado a controllare persona armate..Grazie.. Cordiali saluti

  • Link al commento Ventriglia francesco Giovedì, 05 Luglio 2018 09:05 inviato da Ventriglia francesco

    Un agente di polizia amministrativa può ottenere il difesa personale? (Controllore dei titoli di viaggio)

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is a Joomla Security extension!