MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Sabato, 08 Dicembre 2018 15:14

Divieto detenzione armi e istanza di revoca

Scritto da

 

Divieto detenzione armi e istanza di revoca

Poniamo il caso che il Prefetto rigetti un'istanza per ottenere la revoca del divieto di detenzione di armi e munizioni; poi ipotizziamo che per valutare questa istanza l’amministrazione abbia svolto una nuova istruttoria rispetto al precedente diniego.

Ebbene, quando si verifica una situazione di questo tipo, ossia la Prefettura non si limita a dire no sulla base del preesistente diniego (il D.D.A.) ma svolge un’istruttoria supplementare, il provvedimento che viene notificato alla persona interessata può essere contestato con un ricorso.

La conferma dell’importante principio proviene dal Tar Venezia, che si è pronunciato con la sentenza n. 1112 del 4 dicembre 2018.

In pratica, la fattispecie racchiude alcune regole da tenere a mente.

 

 

Indice

Quando il divieto detenzione armi è ricorribile?

Quando il rigetto dell’istanza di revoca è ricorribile?

Quando il rigetto dell’istanza di revoca non è ricorribile?

Come si autovincola l’amministrazione?

Come si valutano gli elementi sopravvenuti?

 

 

Quando il divieto detenzione armi è ricorribile?

Il primo divieto di detenzione armi è di per sé impugnabile con il ricorso, in quanto si tratta di un provvedimento amministrativo definitivo;

 

 

Quando il rigetto dell’istanza di revoca è ricorribile?

Il rigetto dell’istanza per ottenere la revoca del divieto di detenzione armi può essere impugnato, a sua volta, con un altro ricorso tutte le volte in cui proviene da un ulteriore accertamento dei fatti da parte della Prefettura;

 

 

Quando il rigetto dell’istanza di revoca non è ricorribile?

Il rigetto non può, invece, essere criticato con il ricorso al Tar quando esso non fa altro che confermare il contenuto del divieto di detenzione armi, senza svolgere alcuna attività istruttoria supplementare.

 

 

Come si autovincola l’amministrazione?

In questo paragrafo cerchiamo di sintetizzare il caso pratico che può tornare utile come spunto per situazioni simili a quella esaminata.

Il Ministero dell’Interno, una volta ricevuta l'istanza di revoca del divieto di detenzione irrogato al privato, avvia una nuova istruttoria interpellando, per esempio, il Comando Provinciale Carabinieri.

Dopo l’esito dell’istruttoria, rinnova la valutazione della situazione.

Accade dunque che la P.A. si autovincoli con l'avvio del nuovo procedimento: è tenuta a darvi corso in modo legittimo e, quindi, ad effettuare un'istruttoria approfondita, nonché a dare una ponderazione scrupolosa degli interessi.

Il Prefetto, in altri termini, deve tenere conto di quanto detto e documentato dal privato nell'istanza di revoca, non può appiattirsi per intero sul parere del Comando Provinciale dei Carabinieri.

 

 

Come si valutano gli elementi sopravvenuti?

La P.A., una volta avviato il nuovo procedimento è tenuta a valutare se gli elementi sopravvenuti siano idonei a ripristinare il giudizio di affidabilità nell'uso delle armi di cui il richiedente, nel caso esaminato dal Tar Venezia, in precedenza aveva goduto per lungo tempo.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 995 volte Ultima modifica il Sabato, 08 Dicembre 2018 15:26
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598