MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Mercoledì, 01 Maggio 2019 08:38

Giudizio di affidabilità o probabilità di abuso nell'uso delle armi

Scritto da

 

La valutazione di affidabilità che compie il Ministero dell’Interno e le sue articolazioni amministrative non è niente altro che un giudizio valutativo sulla condotta di vita del soggetto interessato.

Siccome si parla di un giudizio sulla vita della persona, non è sufficiente la pendenza di un procedimento penale a carico della persona per dire che questa è inaffidabile: si può essere d’accordo sul fatto che non occorre una particolare giustificazione, ma un minimo onere motivazionale deve essere assolto sulla presunta pericolosità ed inaffidabilità dell’interessato.

 

 

 

Indice

Il caso

Il ricorso

La soluzione del Giudice

In pratica

 

 

 

Il caso

Viene chiesto l'annullamento del decreto del Prefetto con cui è stato fatto divieto di detenere armi e munizioni, ingiungendo di consegnare quelle in possesso dell’interessato all'autorità di pubblica sicurezza.

Con il ricorso, la parte privata lamenta l'eccesso di potere per difetto di istruttoria, la violazione dell'art. 39 r.d. n. 773 del 1931 ed il difetto di motivazione del provvedimento.

Dagli atti risulta che il provvedimento è stato adottato su proposta dei Carabinieri a seguito dell'apertura delle indagini a carico del ricorrente, a fronte di una querela presentata in suo danno per il reato di minacce, probabilmente commesso nell'ambito di una controversia insorta tra comproprietari confinanti.

L’interessato precisa che il procedimento penale è stato definito per l’archiviazione disposta dal Giudice di Pace, stante l'avvenuta remissione della querela.

 

 

 

Il ricorso

Abbiamo detto nel preambolo che, siccome si parla di un giudizio complessivo sulla vita e sulle abitudini della persona, non è sufficiente la pendenza di un procedimento penale a carico della persona per dire che questa è inaffidabile: si può essere d’accordo sul fatto che non occorre una particolare giustificazione, ma un minimo onere motivazionale deve essere assolto per spiegare in dettaglio in che cosa consiste la pericolosità ed inaffidabilità del ricorrente.

Pertanto, l’ossatura del ricorso amministrativo si basa sulla rivendicazione dell'eccesso di potere per difetto di istruttoria, sulla violazione dell'art. 39 r.d. n. 773 del 1931 ed sul difetto di motivazione del provvedimento.

Come è possibile, infatti, che una denuncia archiviata per remissione della querela non abbia alcun effetto sulla valutazione discrezionale del Prefetto in materia di armi?

 

 

 

La soluzione del Giudice

La giurisprudenza più aggiornata ci offre la sentenza del Tar Salerno n. 526 dell’01.04.2019, favorevole al ricorrente.

Ebbene, il Collegio non nega che il richiamato episodio possa concorrere alla valutazione negativa circa l'affidabilità del ricorrente, così come la stessa sottovalutazione delle possibili conseguenze del gesto da parte del suo autore.

Tuttavia, la valutazione di affidabilità costituisce l'esito di un sintetico giudizio valutativo che deve investire la condotta di vita del soggetto interessato, non essendo sufficiente la pendenza di un procedimento penale.

Si può convenire che non occorra una particolare ostensione dell'apparato giustificativo, ma un minimo onere motivazionale deve essere assolto in punto di pericolosità ed inaffidabilità della persona, in quanto ciò è alla base del giudizio prognostico.

Per restare sulla questione esaminata e risolta con la sentenza 526, dalla motivazione del provvedimento non emerge che l'episodio indicato dalla stazione dei carabinieri sia stato inserito in una più ampia valutazione della condotta di vita e della personalità del soggetto interessato, necessaria per valutarne l'incidenza in ordine al giudizio di affidabilità o probabilità di abuso nell'uso delle armi.

 

 

 

In pratica

In materia di armi, la valutazione di affidabilità che compie l’amministrazione è un ampio giudizio valutativo sulla condotta di vita della persona.

 

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 866 volte Ultima modifica il Mercoledì, 01 Maggio 2019 08:46
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598