Martedì, 10 Marzo 2020 18:22

Munizioni non denunciate e buona fede

Scritto da

 

Il Ministero dell’Interno deve tenere in considerazione anche la buona fede della persona alla quale viene disposta la sospensione della licenza di porto di fucile ad uso caccia.

 

 

 

Indice

Il caso

La soluzione del caso

Come chiedere assistenza legale

 

 

 

Il caso

Partiamo dal caso concreto per spiegare il principio sopra esposto.

Una persona era titolare di licenza di porto d’arma per uso caccia, al medesimo rilasciata nel 2010.

 

Nel corso di un controllo di routine eseguito dai Carabinieri emergeva che il medesimo deteneva una quantità di munizioni che non era stata regolarmente denunciata (51 cartucce cal. 12 a palla singola, 24 cartucce cal. 7 MM Rem. Mag, 987 gr. di polvere da sparo): il materiale veniva posto sotto sequestro ed il ricorrente deferito alla Autorità Giudiziaria.

 

Il Questore, dato atto che il comportamento era frutto di negligenza nella custodia delle armi e che doveva ritenersi indice della mancanza dei requisiti soggettivi richiesti per mantenere la titolarità della autorizzazione di polizia, decideva di sospendere la licenza di porto d’armi rilasciata sino alla definizione del procedimento penale e, comunque, fino alla verifica della sussistenza dei requisiti soggettivi richiesti.

 

L’interessato ha proposto il ricorso, deducendo che in occasione del sopralluogo effettuato dai Carabinieri aveva esibito tutte le armi in possesso nonché svariate quantità di munizioni di vario tipo, tutte regolarmente denunciate.

 

Inoltre aveva esibito spontaneamente i quantitativi di munizione poi risultati non assistiti da denuncia.

 

Il Tar accoglieva la domanda incidentale di sospensione del provvedimento impugnato (Tar Lazio Sez. Prima Ter, sentenza definitiva n. 9130/2018 pubblicata in data 03.09.2018 e non appellata) sul rilievo che: “alla luce di quanto evidenziato in ricorso, che il ricorrente non appaia inaffidabile nell’uso delle armi, tenuto conto che, per come si è svolta la vicenda, si ravvisa la sua buona fede nell’omettere la denuncia di cartucce e di polvere da sparo (infatti lo stesso spontaneamente ha consegnato il tutto in sede di controllo ed inoltre aveva regolarmente denunciato un numero davvero molto consistente di munizioni, rinvenute nel predetto controllo)”.

 

Con istanza depositata nel 2014 il Ministero chiedeva la sollecita fissazione della udienza di discussione del merito, in mancanza della quale il Prefetto di Viterbo vietava al ricorrente di detenere armi e munizioni di qualsiasi tipo.

 

 

 

La soluzione del caso

Il Tribunale dava ragione al ricorrente.

 

Vediamo perché.

Per quanto, come è noto, le valutazioni che l’Autorità di Polizia è chiamata ad effettuare allorché deve decidere se rilasciare, rinnovare o revocare una autorizzazione di polizia, in particolare una autorizzazione afferente l’uso di armi, sono connotate da discrezionalità, sicché tali valutazioni sono sindacabili in sede giurisdizionale solo nei limiti della macroscopica illogicità o travisamento, non si può non rilevare che l’interessato è comunque risultato perfettamente in regola nella detenzione e denuncia di ben 12 armi ed oltre 1500 cartucce, essendo in confronto minimo il quantitativo di munizioni non denunziate.

 

Questo ultimo, inoltre, non è stato reperito dagli agenti delle Forze dell’Ordine in luogo visibile o anche solo facilmente accessibile, essendo esso pure diligentemente custodito e reperito dai Carabinieri solo in quanto ad essi esibito spontaneamente.

 

A Quest’ultimo, pertanto, si può allora rimproverare solo per non aver correttamente interpretato l’art. 26 della L. 110/75, che obbliga alla denuncia colui che detenga “munizioni per armi comuni da sparo eccedenti la dotazione di 1000 cartucce a pallini per fucili da caccia”, e che il ricorrente l’ha erroneamente intesa come norma che si riferisce a qualsiasi tipo di cartuccia per fucile da caccia anziché alle sole cartucce “a pallini”: è quindi accaduto che il ricorrente, detenendo solo armi da caccia e munizioni di vario tipo, in numero complessivo superiore a 1000 ma non tutte “a pallini”, ha creduto di essere esentato dall’obbligo di denunciare le munizioni ulteriori al primo migliaio, e nella convinzione di essere nel giusto ha poi spontaneamente esibito anche queste munizioni ai Carabinieri.

 

Il giudizio di inaffidabilità del ricorrente può dunque solo fondarsi sul fatto che egli ha erroneamente interpretato una norma, omettendo per effetto di ciò un adempimento di natura meramente amministrativa; nessun comportamento realmente pericoloso gli è invece imputabile, e di fatto non gli è stato imputato.

 

Conclusione: ricorso accolto, provvedimento amministrativo annullato e sentenza di primo grado non appellata.

 

 

 

Come chiedere assistenza legale

Avere il supporto legale è semplice:

chiamare l’Avv. Francesco Pandolfi 3286090590,

oppure scrivere una mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 7055 volte
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.